Nuove attrazioni: a Castellaneta tutti pazzi per la "Panchina del Cardinale"

Attualità
visibility6974 - domenica 03 gennaio 2021
di La Redazione
Più informazioni su
Tutti pazzi per la panchina del Cardinale
Tutti pazzi per la panchina del Cardinale ©

Da queste parti è più famosa della "Scala del tempo perduto" di Polignano a Mare.

Più fotografata della statua di Rodolfo Valentino, quasi più ambita di una sedia gestatoria: siamo nel cuore del centro storico di Castellaneta e precisamente in via Muricello, dove passeggiare tra i vicoli del borgo antico è un piacere per cura, pulizia e rispetto della storia.

Lì, tra silenzio e venerazione, da qualche tempo è nata una nuova attrazione turistica: la "Panchina del Cardinale".

Un'idea del signor Giovanni ("il Cardinale", appunto), residente ed attivista del centro storico di Castellaneta: un'intuizione lanciata sui social a suon di dirette a tratti irriverenti, che ha ben presto spopolato in lungo e in largo, tanto da chiamare sul posto quasi tutti big del territorio.

Politici, parroci, imprenditori, professionisti, nessuno ha saputo resistere al richiamo del "Cardinale", e quando al vescovo della diocesi di Castellaneta, monsignor Claudio Maniago, gli sono fischiate le orecchie, beh... neanche lui ci ha pensato su due volte: tutti in via Muricello per visitare la panchina, lasciare un autografo con dedica, mostrare un bel sorriso (mascherina permettendo) e farsi immortalare per una foto di rito da lanciare subito sui social.

Guai però a chiamarlo marketing 2.0: il signor Giovanni, in passato promotore di altre iniziative solidali a tutela del centro storico di Castellaneta, agisce infatti con passione, grande entusiasmo e nessun secondo fine, a parte quello di esaltare il borgo antico e trascorrere del tempo in compagnia, tra brindisi, risate e gustosa carne al fornello.

Ed anche se, come sostiene "Il Cardinale", in via Muricello è sempre zona rossa (colore del suo vino primitivo), tutti sono invitati "alla sua mensa": basta presentarsi nei pressi della famosa panchina e suonare al campanello della sua abitazione: senza dubbio, riposino pomeridiano a parte, risponderà presente, lanciando la sua classica parola d'ordine: «Dsgrazdighiveeee!».