Medicina la più gettonata, i diplomati del "Lentini - Einstein" non hanno dubbi sul loro futuro

Attualità
visibility1512 - sabato 09 gennaio 2021
di Andrea Carbotti
Più informazioni su
La sede del liceo Einstein di Mottola
La sede del liceo Einstein di Mottola © Web

Un piccolo esercito di camici bianchi e verdi: medici, infermieri e personale sanitario. E ancora: ingegneri, commercialisti e fiscalisti esperti.

Dai dati ufficiali del ministero dell'Istruzione emerge il profilo delle matricole uscite dall'istituto Lentini - Einstein di Mottola: il 30% di loro, a giudicare dalle ultime rilevazioni, si è iscritto negli atenei italiani per l'area disciplinare Medico-Sanitaria e Farmaceutica.

Immatricolazioni in aumento anche nel resto delle facoltà scientifiche, come Economia e tutti i settori dell'Ingegneria. Un dato che non può essere sottovalutato e che indica un'inversione di tendenza rispetto alle abitudini del passato, quando la scuola sfornava decine di iscritti alle lauree umanistiche e alla facoltà di Giurisprudenza.

Soddisfatto il dirigente scolastico Pietro Rotolo, che ha confrontato i dati ottenuti dal suo istituto con quelli relativi ad altre scuole: il Lentini - Einstein ha raddoppiato i numeri della provincia, dove solo il 15,84% è distribuito nell'area sanitaria, e della Regione, ferma sul 13,74%. Quasi tre volte tanto, invece, sopra la media nazionale del 9,97%.

I dati, disponibili sul portale ministeriale Scuola in Chiaro, si riferiscono al triennio 2019/2022, segno che negli ultimi anni qualcosa di importante è stato realizzato:

«Tutto ciò è frutto del lavoro di molti docenti - spiega il dirigente scolastico - che da alcuni anni, con l'organizzazione dell'offerta formativa e momenti di ampliamento, anche volontari, hanno modificato la linea di interesse degli studenti».

Ai nostri taccuini, Rotolo ha raccontato di aver chiesto al minisero di attivare anche a Mottola l'indizizzo "Biologia con curvatura biomedica", rimasto carta morta: «Facciamo a meno delle targhette e di possibili finanziamenti specifici, ma raggiungiamo risultati lusinghieri che ci appagano meglio», ha detto il dirigente scolastico.

Infatti, l'istituto mottolese salta una spanna più in alto anche di alcuni "licei per camici bianchi" del Tarantino, e non vuole perdere il primato: «Consolidare i migliori risultati possibili - le parole del preside -, attraverso il lavoro di squadra di docenti e studenti, che negli ultimi anni hanno raccolto e vinto una sfida speciale per la nostra scuola».

Andrea Carbotti