Massafra: la Settimana Santa dell'arciconfraternita del Santissimo Sacramento

Attualità
visibility467 - sabato 13 aprile 2019
di La Redazione
Più informazioni su
Processione dei Misteri - Marzo 2018
Processione dei Misteri - Marzo 2018 © Luigi Serio

Con la benedizione delle palme, che avrà luogo domani, domenica 14 aprile alle 8:45, sul sagrato dell’Antica Chiesa Madre, l’arciconfraternita del Santissimo Sacramento si tuffa con la città nei riti della Settimana Santa.

Il prossimo 18 aprile, "Giovedì Santo", in cui si terrà la celebrazione "In Coena Domini", inizierà alle 17 il primo giorno del Triduo Pasquale, con l’alternarsi dei confratelli in adorazione alla Santissima Eucaristia, dinanzi ai Repositori, con qualche novità rispetto al precedente anno.

Venerdì 19 aprile, alle 16, si terrà la liturgia della Passione con l’adorazione della "Croce".

Alle 17:30, sempre di venerdì 19 aprile, il troccolante varcherà l’uscio dell’Antica Chiesa Madre per dare il via alla solenne "Processione dei Misteri" - sempre curata dall’Arciconfraternita del Santissimo Sacramento - che ha come quinta naturale il centro storico massafrese, ingrediente indispensabile per valorizzare i motivi sociali, spirituali e religiosi che furono alle origini di questo cammino penitenziale. L’ambiente rende quanto mai vicino il passato, con il tempo impresso sui muri, nonostante il biancore della calce smorzi la sua voracità.Nei vicoli e nelle piazzette dell'antica Massafra si incontrano gli stessi scenari della Palestina dove si consumò la drammatica passione di Cristo.

La processione si compone di 8 statue, la maggior parte settecentesche, tutte in cartapesta, di scuola leccese, con la caratteristica barba biforcuta del Cristo. Molto particolare quella dell'incontro di "Gesù con la Veronica".

Domenica 21 aprile, alle 9, con la solenne Santa messa di Pasqua, si concluderanno i riti della settimana Santa dell’arciconfraternita del Santissimo Sacramento, accompagnati dai segni della devozione e capaci di accrescere la fede, di custodire fascino e di regalare antiche e sempre vive emozioni.