Il PD di Ginosa al fianco dei lavoratori Natuzzi

Politica
visibility260 - sabato 13 aprile 2019
di Andrea Carbotti
Più informazioni su
Partito Democratico
Partito Democratico © immagine dal web

Ancora incertezze sulla sorte dei lavoratori Natuzzi.

Chiarisce il tutto una nota del Partito Democratico di Ginosa, che si schiera al fianco dei lavoratori e prende atto "dell'immobilismo del governo", che a loro dire non farebbe che esasperare la già difficile congiuntura sociale del territorio.

«L’accordo di programma - spiegano i Dem di Ginosa -, approntato con il precedente governo, prevedeva un investimento di 36 milioni di euro con 1093 lavoratori reimmessi nel "perimetro del salotto" tra Santeramo, Laterza e Matera, mentre altri 480 addetti sarebbero stati ricompresinegli stabilimenti di Ginosa e la Graviscella, adibiti rispettivamente alla lavorazione del legno e della gomma.»

Allo stato attuale il tutto non sarebbe stato ratificato né controfirmato dal ministero dello sviluppo economico, lo stesso che avrebbe dovuto dar corso alle procedure concordate, suscitando la preoccupazione delle rappresentanze sindacali di base degli stabilimenti Natuzzi per una situazione di stallo che, secondo il PD, non vedrà il proprio epilogo in tempi brevi.

Il dicastero allo sviluppo, intanto, ha convocato le parti per il prossimo 8 maggio ma a parere dei sindacati si tratta di una data aleatoria e troppo tardiva, dunque in questi giorni si sta lavorando per sbloccare l'iter di ratifica dell'accordo, paventando ripercussioni sociali negative sul territorio e sulle famiglie dei lavoratori della Natuzzi.

«Qualora perdurasse l’attuale situazione di precarietà procedurale e non ci fosse alcuna schiarita nelle relazioni industriali - scrivono i sindacalisti -, siamo pronti ad una mobilitazione generale dei lavoratori Natuzzi, con manifestazione a Roma davanti al ministero dello sviluppo economico,da effettuarsi il prossimo 3 maggio».