Contributi per gli affitti: bufera in arrivo a Castellaneta?

Politica
visibility2591 - martedì 16 aprile 2019
di La Redazione
Più informazioni su
Comune di Castellaneta
Comune di Castellaneta © ViviWebTv

Che ci sia un nome illustre, tra i beneficiari dei contributi per i canoni di locazione, è un fatto abbastanza certo. Lo dimostra il grande interesse che si sta concentrando sulla procedura di assegnazione, soprattutto da parte dei consiglieri di opposizione Gianni Di Pippa (Pd) e Agostino De Bellis (M5s).

Prima di entrare nel merito delle posizioni espresse dai due, occorre capire di cosa parliamo. Si tratta del sostegno che viene garantito ai cittadini in fitto che rispondono a determinati criteri reddituali: il Comune pubblica un bando, solitamente retroattivo, per assegnare risorse che provengono dalla Regione, integrate in parte dagli enti locali. Gli uffici comunali procedono alla liquidazione dopo aver stilato una graduatoria di aventi diritto.

Quella relativa all'ultimo bando, per i fitti versati nel 2016, non è stata resa pubblica dal Comune: in molte città avviene così, in altre viene resa pubblica parzialmente con l’indicazione delle iniziali dei beneficiari o degli estremi degli atti di partecipazione al bando, in altre ancora è completamente trasparente. Ma non è questo il punto. Perché la graduatoria che era stata riapprovata con la determina dirigenziale 1837 del 20 dicembre 2018 (per inciso, questo documento nel pomeriggio di ieri non era scaricabile dal sito del Comune), atto che ha consentito la liquidazione delle somme spettanti a ogni cittadino avente diritto (17.013,74 euro , erogati con la determina 176 del 24 gennaio), ha suscitato l’attenzione del consigliere Di Pippa.

Il segretario cittadino del Pd, a un mese dalla determina 176, ha fatto richiesta di accesso agli atti cui due settimane dopo è seguita una richiesta di supplemento di istruttoria relativo alla procedura di assegnazione dei contributi. Evidentemente, nella lettura delle carte qualcosa deve aver colpito Di Pippa, al quale gli uffici comunali hanno risposto il 26 marzo dicendo che l’elenco dei beneficiari era stato inviato alla Guardia di Finanza di Castellaneta per gli opportuni accertamenti.

Venerdì scorso, infine, Di Pippa ha dichiarato pubblicamente sul suo profilo Facebook di aver segnalato delle irregolarità rispetto alla gestione di questi contributi, annunciando un’interrogazione al sindaco Giovanni Gugliotti. La questione è che sia lui, sia De Bellis che lo seguirà a ruota tre giorni dopo, hanno parlato di provvedimenti di natura politica, insieme a quelli amministrativi: perchè? Nessuno dei due ha detto di più, in particolare Di Pippa a precisa domanda sul coinvolgimento di nomi illustri, si è limitato a dire che «per il rispetto che nutro verso le istituzioni, aspetto la conclusione del procedimento amministrativo».

Il nome illustre esisterebbe, insomma, ma non è ancora tempo di farlo. Un nome che potrebbe appartenere alla maggioranza che sostiene Gugliotti.