Il Massafra batte l’Erchie, la rincorsa continua

Sport
visibility310 - lunedì 11 marzo 2019
di Luigi Serio
Più informazioni su
Il Massafra batte l’Erchie, la rincorsa continua
Il Massafra batte l’Erchie, la rincorsa continua © Luigi Serio

È stata meno semplice del previsto, ma alla fine vittoria e tre punti per il Città di Massafra contro il Leonesssa Erchie.

Primo tempo a senso unico: il Massafra schiaccia nella propria metà campo l’Erchie ma la scarsa lucidità sotto porta, un po’ di sfortuna ed un clamoroso errore del proprio portiere conducono negli spogliatoi i giallorossi in svantaggio al termine della prima frazione di gioco.

Tante le occasioni sprecate, le migliori per Afane, Camara, Formisano e Marraffa, ma l’imprecisione nella stoccata decisiva permette all’estremo rossoblu, De Pascalis, di mantenere inviolata la propria porta. Dalla parte opposta, invece, un retropassaggio di Formisano diventa un incubo per lo sfortunato Miccoli, il quale tenta il rinvio ma liscia la palla che beffarda rotola in rete, per l’inatteso vantaggio dell’Erchie. Siamo al 38’, i giallorossi sembrano storditi, e al 41’ l’arbitro ne ammonisce due in un solo colpo. Prima Riformato per un tocco di braccio con palla a terra e poi il solito Turi per le proteste. Si va al riposo con l’Erchie in vantaggio per 1 a 0.

Nella ripresa non rientrano Miccoli e Marraffa, sostituiti da Ricci e da De Vincenzo. Subito ammonito Formisano, ma la svolta è vicina. Ci pensa il nuovo entrato De Vincenzo a ridare fiato e fiducia al Massafra con un eurogol al 52’, calciando la palla al volo dai 18 metri e insaccandola alla destra di De Pascalis. E al 56’ lo imita dalla stessa angolatura, ma alcuni metri più avanti, Daniele Greco che, con un bel destro mira l’angolino, supera il portiere e porta il Massafra sul 2 a 1.

Le squadre appaiono stanche, De Vincenzo potrebbe triplicare al 66’ ma da centro area manda alto un facile pallone. L’Erchie ne spreca una ancora più grossa al 70’ con Buccolieri, che trova prontissimo Ricci a deviare in corner. Mister Minosa sostituisce Camara con De Marinis, poi Afane con Presicci, ma è ancora Greco a mettere in difficoltà la retroguardia brindisina: al 89’con una bordata dalla destra sulla quale nulla può De Pascalis, ma l’arbitro annulla per un fuorigioco millimetrico, e al 93’ con un preciso tocco sull’uscita del portiereper il definitivo 3 a 1. Prima del fischio finale di Labarile, Minosa fa esordire l’under Celini, che sostituisce Turi.

Un risultato che lascia tutto inalterato in classifica per il Massafra, viste le contemporanee vittorie di Sava e Capurso, antagoniste nella corsa verso la griglia play off.

Domenica prossima si va ad Acquaviva contro l’Atletico, invischiato nella zona retrocessione, che non può perdere punti e che nel girone di ritorno ha perso solo a Castellaneta e a Polignano.

Al termine della gara abbiamo avvicinato il presidente del Città di Massafra, Fernando Rubino:

“Abbiamo ottenuto i 3 punti, ma non abbiamo fatto una grande partita. Sicuramente ha inciso anche lo scarso impegno dei ragazzi negli allenamenti in questa settimana, oltre al solito terreno di gioco che penalizza sempre di più il nostro gioco, fatto soprattutto di tecnica e velocità. Il distacco da chi ci precede resta invariato, dobbiamo continuare a vincere perché tutto può succedere, ma a questo punto facciamo la corsa soprattutto sul Capurso, che ci è davanti di un solo punto, confidando che il 4° posto, anche senza i play off, possa tradursi in speranza di ripescaggio.”