Coppa Puglia, De Mare (Massafra): «Affronteremo il match con determinazione»

Sport
visibility252 - mercoledì 06 novembre 2019
di La Redazione
Più informazioni su
Giuseppe De Mare
Giuseppe De Mare ©

Successo importante in quel di Montemesola e settimana ricca per il Massafra che giovedì 7 novembre tornerà a sfidare, in coppa Puglia, la Tre Colli Montemesola per poi scendere in campo domenica mattina in quel di San Giorgio.

A commentare il tutto è l’attaccante, classe 1993, Giuseppe De Mare: «La vittoria di domenica è arrivata alla fine ma a livello di gioco abbiamo sottomesso, dall’inizio, la Tre Colli.

Non è la prima volta che riusciamo a strappare il successo negli ultimi minuti. E’ una cosa positiva che permette di affrontare la settimana ancora meglio. Questa ci vedrà sfidare di nuovo la Tre Colli Montemesola che si chiuderà e poi il San Giorgio che è una squadra abbastanza insidiosa. Giocheremo con la concentrazione che ci contraddistingue in ogni gara: con noi tutti giocano la partita della vita.

Per noi la coppa Puglia è molto importante perché è una competizione che può permetterci di salire. Affronteremo il match di giovedì con grinta e determinazione per la società e per i tifosi che sono sempre presenti. Inoltre, è una buona vetrina per chi gioca di meno in campionato.

Il San Giorgio è un avversario insidioso in cui dovremo tener d’occhio gente come Lisi e Galzarano che sono atleti di categoria superiore. La concentrazione dev’essere massima. Giocare di mattina può rappresentare una sorta d’insidia visto che in casa giochiamo, addirittura, la sera e le altre domeniche alle 15.

Sono convinto che il San Giorgio si difenderà cercando di ripartire. Noi cercheremo di giocarcela con le nostre trame e con i nostri singoli, che poi sono quelli fondamentali, sulla carta più forti tecnicamente. L’approccio sarà fondamentale.

Questo girone di Prima Categoria è abbastanza equilibrato con tante squadre di media classifica e alcune che possono puntare ai play off. Quelle che proveranno a vincerlo e che hanno qualcosa in più siamo noi, il Talsano e il Locorotondo».