Andrea Carbotti C'era una volta Mottola Leggi tutti gli articoli

La Rubrica

Con l'arrivo di agosto, molti di noi si preoccupano di recuperare dalla soffitta le proprie valigie, pronti a partire per staccare la spina, lontano dai pensieri e, per alcuni giorni, anche dai luoghi che fanno da cornice alle nostre vite durante il resto dell'anno.

Noi, invece, per mantenere aperta la vostra finestra sulla città e per portarvi lontano (stavolta indietro nel tempo), abbiamo deciso di riaprire il baule della memoria, ripescando per i sabati di questo mese immagini e storie della Mottola di un tempo, quella dei nostri padri e dei nostri nonni.

Questa rubrica, che ho curato personalmente in ogni suo aspetto, era nei miei pensieri da molti mesi, per cui ho fatto due chiacchiere di persona con la gente che, secondo il mio parere, avrebbe potuto raccontarmi di alcune vicende non dico inedite, ma perlomeno sconosciute ai più, che riguardassero fatti e persone della Mottola del Novecento.

Per quanto mi riguarda, spero di essere stato un abile stimolatore, e cioè spero di aver toccato nei miei interlocutori, e ora anche nei miei lettori, la corda giusta, tale da rievocare nelle menti di quanti leggeranno il passato un po’ sbiadito della nostra città.

Il mio unico dispiacere sta nel fatto che dietro uno schermo tra tra le righe vengono a mancare le pause, le espressioni, i movimenti delle mani e del volto degli intervistati, che sottolineavano, rafforzavano o colorivano alcuni aspetti delle nostre lunghissime chiacchierate. Pazienza, supplite voi con la vostra fantasia.

L'Autore

Andrea Carbotti nasce nel 2002, giovanissimo appassionato di giornalismo, innamorato della sua terra. È un amo sempre alla ricerca del verme giusto per catturare il pesce più grosso.

Altri articoli
Gli articoli più letti