U FUÉCHE ABBÉLL BÉLL S’È STUTÉTE

La redazione Poesie in Dialetto
visibility50 - ViviWebTv - sabato 19 marzo 2016
U FUÉCHE ABBÉLL BÉLL S’È STUTÉTE
U FUÉCHE ABBÉLL BÉLL S’È STUTÉTE © n.c.

Una poesia in vernacolo per riflettere sulle nostre tradizioni, che purtroppo vanno scomparendo. Un'opera della dottoressa Matilde Nardulli, interpretata dal nostro Giuseppe Cantore.



{YouTube}V5MtMMbv1Hg{/YouTube}

Ci sèpe purcè
me vogghie arrucurdè ca a marze...
a dì du dicciannove, a San Gèseppe,
s'appeccecavane i fanove.

Abbasce a Marine, sotto o Rutelone
o larie du Scuffelète e suse a Chisa Granne
s'ammuntunavene i glione
purcè ialte ière a ièsse u fuèche da duvezione.

Mille facidde... prime da vampète,
rumore de frasche appecechète
e nu fume, pure idde profumète.

O calle de stu fuèche
l'arie se calmève
e atturne atturne chi frissole...
cicere fritte e mire de cantine se bevève.

Ière a fèste de San Gèseppe.

è stète e iè pure a fèste de l'attène
ma u fuèche, abbèlle bèlle, s'è stutète...

Dott.ssa Matilde Nardulli

Altri articoli
Gli articoli più letti