Cia Puglia: «Agricoltura alla canna del gas, serve coordinamento nazionale per l’emergenza»

Giannicola D Giannicola D'Amico, vice presidente Cia Puglia

Bari – Quota 1,49 euro, iva compresa.

È questo il prezzo raggiunto dal gasolio agricolo stamattina, venerdì 11 marzo, con una forbice variabile in base ai casi di qualche centesimo in più o in meno. Da quando sono iniziate la crisi energetica e le conseguenti speculazioni, il prezzo del carburante necessario per mandare avanti le attività delle imprese agricole è salito alle stelle. La tendenza è al rialzo e il prezzo oscilla di pochi centesimi anche in base alle quantità acquistate dal singolo imprenditore agricolo. Fatto sta che, prima che i prezzi andassero fuori controllo, il gasolio agricolo è arrivato a costare anche la metà. Durante il lockdown, invece, il prezzo scese in modo consistente. Aumentando l’imponibile, cresce sul prezzo finale anche l’incidenza dell’Iva. Sarebbe necessario, dunque, intervenire con una riduzione anche sull’Iva.

«Occorre sospendere immediatamente le accise e valutare rapidamente ogni altra misura utile ad abbassare il prezzo pagato dalle aziende – ha dichiarato Giannicola D’Amico, vicepresidente di CIA Agricoltori Italiani della Puglia – L’organizzazione sindacale degli agricoltori, in queste ore, sta decidendo quali iniziative di mobilitazione intraprendere per sostenere una protesta sempre più diffusa in tutta la regione, come del resto in ogni parte d’Italia».

«Finora abbiamo preferito la strada del dialogo, del confronto e della proposta con le istituzioni, ed è una direzione che intendiamo continuare a percorrere, ma non escludiamo di annunciare a breve l’organizzazione di una grande manifestazione al Centro-Sud che unisca gli agricoltori pugliesi e quelli di tutto il Mezzogiorno d’Italia – ha anticipato D’Amico – Le imprese agricole sono alla canna del gas, è proprio il caso di dirlo. Rabbia e preoccupazione stanno crescendo sempre con più forza. Le rassicurazioni del Governo nazionale servono a poco se, come sta accadendo, le imprese agricole si trovano a fronteggiare una situazione di rincari altissimi e generalizzati. Senza gasolio agricolo, i trattori si fermano e le colture vanno in malora.  Ieri (giovedì 10 marzo, ndr), a Ravenna è stato scaricato l’ultimo carico di mais. Con l’Ucraina sotto i bombardamenti, l’aumento vertiginoso del prezzo del mais e la sua scarsissima disponibilità sul mercato, gli allevatori già adesso in moltissimi casi non sono più nelle condizioni di nutrire in maniera adeguata il bestiame. Serve un coordinamento d’emergenza nazionale tra Governo e Regioni sull’agricoltura, per affrontare con misure rapide e concrete sia il problema dei rincari sia quello della mancanza di approvvigionamenti, una questione quest’ultima che è fatalmente destinata a peggiorare nelle prossime ore con la nuova protesta annunciata dagli autotrasportatori».

Le notizie del giorno sul tuo smartphone
Ricevi gratuitamente ogni giorno le notizie della tua città direttamente sul tuo smartphone. Scarica Telegram e clicca qui

La Redazione - oggi, mar 5 luglio

Il medico fisiatra massafrese Vincenzo Tagliente siederà sulla panchina del "Gioiella Prisma Taranto" ...

La Redazione - lun 4 luglio

Grazie all’emendamento decreto legge "Aiuti" Massafra e Taranto potranno disporre di 4,5 milioni di euro per ammodernare la strada ...

La Redazione - lun 4 luglio

Accusa un malore durante la competizione di Acquathlon: salvata dalla squadra nautica della Polizia di Stato. ...

La Redazione - mer 29 giugno

Tra gli aspiranti traduttori, non sono in pochi  a domandarsi se le traduzioni in lingua russa possano essere la chiave per una carriera redditizia. Questa ...

La Redazione - mar 28 giugno

Le ultime novità di questo settore sono seguite sempre di più a livello internazionale e ultimamente anche in Italia. L’Italia si è ...

La Redazione - mar 10 maggio

“Sospendendo l’abbattimento di 37 ulivi secolari colpiti da ...

La Redazione - mer 11 maggio

Vicinanza alla famiglia e un forte in bocca al lupo al ...

La Redazione - mar 17 maggio

Bari. Una riforma complessiva dei consorzi di bonifica commissariati ...