Polemiche sulla nuova area giochi per bambini disabili a Mottola

Attualità
visibility1016 - sabato 09 marzo 2019
di Andrea Carbotti
Più informazioni su
La nuova area giochi di piazza Lubich con il sindaco Barulli
La nuova area giochi di piazza Lubich con il sindaco Barulli ©

È polemica sulla realizzazione di una nuova area giochi per bambini diversamente abili nei pressi di piazza Chiara Lubich a Mottola (clicca qui per rileggere la nostra notizia).

"Parchi per Tutti", un blog italiano sensibile sul tema dei parchi inclusivi, dei giochi accessibili e dei progetti a sostegno del diritto al gioco per tutti i bambini, ha infatti affidato alla nostra redazione un appello che parla chiaro: «È bello apprendere dell'impegno di un sindaco verso il diritto al gioco ma è importante anche il risultato: realizzare uno spazio gioco inclusivo - ci scrivono - non è un gioco da ragazzi».

«Le immagini - riferiscono Chiara Protti e Raffaella Benedetti, ideatrici di "Parchi per Tutti" - purtroppo parlano chiaro: c'è uno scivolo installato su ghiaia, così chi è in carrozzina non riesce neppure ad avvicinarsi ad eventuali amici che hanno deciso di fare una scivolata. Ricordiamo che la ghiaia non è percorribile in carrozzina (né manuale né elettrica).

È stata installata su terra battuta un'altalena con pedana, in grado di ospitare una sedia a ruote. Questa, anche se a prima vista può sembrare un bel gioco, è una struttura esclusivamente riservata a utenti in carrozzina quindi più che includere, divide. Da non sottovalutare - chiosano - il fatto che non rispetta i criteri relativi alle altalene, contenuti nella normativa sulla sicurezza delle aree gioco. Questa struttura non potrebbe essere installata in parchi gioco pubblici privi di sorveglianza e purtroppo è stata oggetto di vari incidenti in diverse città italiane.

La stessa altalena per carrozzine è posizionata su terra e non su una pavimentazione liscia e pianeggiante. Purtroppo erba o terra battuta non potranno mai essere livellati perché anche la sola pioggia invernale può trasformarli in percorsi fangosi e disseminati di buche o dossi pericolosi per chi si sposta in carrozzina».

Per "Parchi per Tutti" in un'area gioco è fondamentale l'accessibilità, ossia quella che, a loro detta, è assente nel nuovo parchetto di piazza Lubich, che non rispetterebbe le linee guida "Playground equipment accessible for all children" pubblicate dal CEN (Comitato Europeo di Normazione).

«Dispiace - concludono - che a rimetterci siano i bambini. Il 90% dei cittadini non ha idea di quanto sia importante il gioco e che per realizzare un'area davvero accessibile e fruibile a tutti i bambini è necessaria un'attenta progettazione. Improvvisare porta a risultati discutibili ma la speranza è sempre quella di una possibile modifica dell'area giochi per renderla davvero sicura e utilizzabile da tutti».

Andrea Carbotti