Progetto Erasmus Plus all'istituto comprensivo Pascoli di Massafra: una risorsa importante

Attualità
visibility806 - giovedì 12 dicembre 2019
di Giovanni Olivieri
Più informazioni su
I protagonisti del progetto Erasmus
I protagonisti del progetto Erasmus ©

Si è da poco conclusa la mobilità (LTTA) italiana del progetto Erasmus “WATER: No Need for Another Toy, Water is our Essential Joy” che ha visto coinvolto l'istituto comprensivo Pascoli di Massafra come scuola ospitante. Il partenariato della durata biennale iniziato nel 2018 è alla quarta mobilità dopo quelle effettuate in Repubblica Ceca, Bulgaria e Portogallo.

Sono stati 11 studenti italiani di terza classe della scuola secondaria di primo grado Niccolò Andria (Letizia Convertino, Antonella Corona, Giulia Fedele, Federico Fuggiano, Lucia Galeone, Azzurra Miola, Francesca Padalino, Tommaso Rota, Suamj Stallo, Paola Vinci, Morena Zanframundo) che hanno accolto nelle loro famiglie ragazzi provenienti da Portogallo, Repubblica Ceca, Bulgaria e Grecia.

Il progetto Erasmus (European Community Action Scheme for the Mobility of University Students) Plus nasce nel 2014, con una validità che si estende fino al 2020, con l’obiettivo di combinare tutti i programmi già esistenti di mobilità europea per l’istruzione, il tirocinio, i giovani e lo sport.

Come afferma il dirigente scolastico Gianluigi Maraglino, il programma Erasmus è una grande risorsa per tutti e ad ogni livello:

«E’ innanzitutto una risorsa per gli studenti coinvolti - ha continuato il dirigente scolastico - che hanno l’opportunità fin da piccoli di sviluppare oltre a competenze sociali, civiche, culturali e storico-geografiche anche competenze linguistiche, trasferendo in contesti reali quelle conoscenze apprese in classe, in una dimensione di stima e fiducia.

E’ una risorsa per i docenti che possono arricchire le loro competenze linguistiche, progettuali e sociali In una dimensione internazionale con ricadute positive sulle classi.

E’ una risorsa per l’intera comunità scolastica che percepisce la scuola come punto di riferimento per l’internazionalizzazione, l'innovazione e l'inclusione.

Non ultima per importanza è la ricaduta che le progettazioni Erasmus hanno su tutta la comunità locale, promuovendo l’ospitalità e l’accoglienza delle strutture ricettive e turistiche della città, facendo conoscere luoghi di interesse e tradizioni che in questo modo possono ottenere una notevole visibilità.

La mobilità a Massafra si è svolta dal 2 al 6 Dicembre con un ricco calendario di attività didattiche laboratoriali svolte in tutti i plessi dell'istituto comprensivo Pascoli e visite a luoghi di interesse strettamente legati al tema del progetto: l’acqua e l’ambiente: le Grotte di Castellana, Alberobello, Matera, Taranto e Massafra.

Un ringraziamento speciale va da parte dello staff Erasmus (docenti Cinzia Perniola, Antonella Galatone, Giuseppe Bufano, Albertina Mastrangelo, Rosanna Roma), a tutte le famiglie dei ragazzi ospitanti, ai docenti e ai genitori degli alunni della scuola che hanno contribuito ad accogliere le delegazioni straniere in visita nei plessi con gioia ed entusiasmo, prodigandosi in doni e assistenza».

Giovanni Olivieri