"Assoluta incapacità di gestione del personale", la nota dei sindacati del Comune di Mottola

Attualità
visibility1966 - giovedì 26 marzo 2020
di Andrea Carbotti
Più informazioni su
Il municipio di Mottola
Il municipio di Mottola © Web

«L'emergenza sanitaria che stiamo attraversando continuerà ad avere strascichi negativi anche dopo la sua interruzione», parola delle organizzazioni sindacali del Comune di Mottola, che in una nota hanno denunciato "l'assoluta incapacità gestionale" ai tempi del coronavirus.

Secondo i sindacati, infatti, sarebbe stato più opportuno affiancare i dipendenti, in via del tutto eccezionale, all'ufficio di Polizia Locale, sia nel disbrigo delle pratiche che nei servizi di controllo del territorio. Tutto ciò avrebbe evitato la situazione attuale: i dipendenti, infatti, riferiscono che ogni responsabile ha deciso autonomamente il da farsi, tra smart working e ferie forzate.

«Tutto ciò - chiosano le Rsu - è indice di mancanza di coordinamento tra i responsabili, i quali, evidentemente, non parlano neppure tra loro, e men che meno analizzano le possibili soluzioni affinché la macchina amministrativa possa funzionare al meglio». Questa situazione, inoltre, denoterebbe uno scarso controllo da parte dell'Amministrazione, che avrebbe dovuto chieder conto di scelte "così dissennate".

I dipendenti, infine, ribadiscono la loro volontà di essere adoperati nel contrasto all'emergenza, supportando la Polizia Locale, di per sé sotto organico, nelle attività d'ufficio e di presidio del territorio.

«Inoltre - scrivono -, a conferma della scarsa considerazione che questa Amministrazione ha nei confronti dei lavoratori, si fa presente che dalle convocazioni del Coc sono stati esclusi i dipendenti che, avendone fatto parte nelle occasioni precedenti, hanno dato dimostrazione di competenza e impegno».

Per ultima, quella che è stata definita "una nota amara". Infatti, a quanto pare, nei giorni scorsi si è proceduto ad un aumento delle indennità dei dirigenti comunali. «Questo - affermano i sindacati -, avviene in un momento in cui alla popolazione verranno richiesti sforzi enormi per affrontare la crisi post-emergenziale, e a pochi mesi dalla penosa vicenda per cui tutti i dipendenti sono stati privati delle indennità di salario accessorio».

Andrea Carbotti