Crisi del settore: a Mottola, 120 dipendenti a casa fino a fine luglio

Cronaca
visibility3804 - mercoledì 12 giugno 2019
di Andrea Carbotti
Più informazioni su
La tessitura di Mottola
La tessitura di Mottola ©

Fabbrica chiusa fino al 29 luglio e cassa integrazione o ferie per i circa 120 operai.

È questa la situazione attuale dello stabilimento di Mottola del "Cotonificio Albini Spa", azienda leader nel settore della tessitura con sede nel bergamasco.

A partire dal 31 maggio scorso, infatti, per cause dovute alla crisi del settore tessile, è stato necessario interrompere la produzione e far stare a casa, almeno fino al 29 luglio prossimo, tutti i dipendenti.

Fino al termine del periodo di pausa, infatti, i giorni lavorativi saranno equamente ripartiti per ogni operaio tra ferie retribuite e cassa integrazione.

I vertici dello stabilimento, al momento retto dall'egiziano Mohamed Magdy, sono fiduciosi di riprendere in mano la situazione entro i termini prefissati, mentre fonti vicine all'amministrazione comunale assicurano che il sindaco Barulli e i membri del suo entourage siano costantemente informati sugli sviluppi di questa vicenda.

Andrea Carbotti