Pizzo in carcere, un massafrese tra gli indagati

Cronaca
visibility2474 - giovedì 23 luglio 2020
di La Redazione
Più informazioni su
carcere di Brindisi
carcere di Brindisi © web

Ieri mattina, il Nucleo investigativo del comando provinciale Carabinieri di Brindisi ha dato esecuzione ad una ordinanza applicativa di misura cautelare personale in carcere nei confronti di Roberto Petruzzelli, di Massafra, già detenuto nel carcere di Turi, Giorgio Candita, di San Pietro Vernotico, già detenuto nel carcere di Lecce ed Eligio De Felice di Grottaglie, già detenuto nel carcere di Matera.

I tre sono ritenuti responsabili di tentata estorsione nei confronti di un detenuto all’interno del carcere di Brindisi.

In particolare, il 18 febbraio 2020 fu sequestrata dalla polizia penitenziaria, all’interno dello stesso carcere di Brindisi, una missiva nella quale Petruzzelli, già detenuto nella casa circondariale di Turi, tramite Candita, intimava a un detenuto il pagamento immediato di 500 euro e di 200 euro mensili, al fine di evitare problemi durante la sua permanenza carceraria a Brindisi.

Dopo la prima lettera minacciosa, la vittima era stata avvicinata durante l’ora d’aria dal detenuto De Felice, il quale, avendo incontrato Petruzzelli durante un processo nei giorni precedenti, gli ricordò nuovamente di adempiere alle richieste estorsive di Petruzzelli.