Tessitura di Mottola, cassa integrazione prorogata? Le ultime novità

Cronaca
visibility1221 - martedì 13 ottobre 2020
di Andrea Carbotti
Più informazioni su
La tessitura di Mottola
La tessitura di Mottola ©

La Tessitura di Mottola, azienda di proprietà della bergamasca Albini Spa, chiederà per gli oltre 120 dipendenti dello stabilimento la proroga fino al 31 dicembre della cassa integrazione, con causale Covid-19.

È questo, al momento, lo scenario nel quale si trova l'industria mottolese, ferma con le quatto frecce da ottobre 2019, quando gli operai sottoscrissero un contratto di solidarietà al 50% in scadenza a maggio dell'anno prossimo.

All'epoca la cause erano imputabili alla crisi del settore tessile e della moda, che ha ridotto l'attività dello storico cotonificio di oltre il 60%, in attesa di una graduale ripresa degli ordini provenienti dalle case di moda più blasonate.

Da allora, complice l'epidemia da Coronavirus, la Tessitura non ha più ripreso a lavorare, e da maggio la cassa integrazione ha sostituito la solidarietà.

Fino al 7 novembre, il responsabile della produzione Mohamed Magdy intende sfruttare la cassa integrazione Covid, che, come detto, sarà probabilmente prolungata fino a fine anno.

E in attesa dei miliardi attesi dal Governo, è proprio l'azienda ad anticipare i soldi ai propri dipendenti, come hanno confessato alcuni di loro.

La questione, tuttavia, sembrerebbe essere sotto controllo: nei primi di settembre, gli operai hanno incontrato Andrea Albini, fratello del presidente Stefano, che li avrebbe rassicurati in merito alle intenzioni dell'amministrazione, pronta a rimettere in moto il sito produttivo con l'aumento delle ordinative.

Inoltre, negli ultimi giorni la situazione si è di nuovo aggiornata con degli incontri in video conferenza tra la direzione e i sindacati territoriali.

Andrea Carbotti