Rifiuti radioattivi in Puglia, Lopane: «Il nostro No è una voce corale»

Politica
visibility324 - martedì 12 gennaio 2021
di La Redazione
Più informazioni su
Gianfranco Lopane
Gianfranco Lopane ©

Il presidente del gruppo consiliare ‘Con Emiliano’, Gianfranco Lopane, è intervenuto in merito all’approvazione all'unanimità della mozione urgente con la quale il Consiglio regionale pugliese ha impegnato la giunta regionale a praticare ogni utile iniziativa, anche di concerto con le regioni confinanti a partire dalla Basilicata, finalizzata a far desistere il Governo da ogni possibilità di allocare sul territorio regionale il deposito nazionale dei rifiuti radioattivi ed a nominare una cabina di Rregia regionale che, insieme ad ANCI, all'università e alle organizzazioni di categoria, possa dare supporto tecnico, scientifico e giuridico ai comuni interessati dal progetto, affinché, insieme al personale tecnico della Regione, nei 60 giorni decorrenti dal 5 gennaio 2021, siano predisposte le osservazioni necessarie da presentare alla Sogin.

«La mozione approvata oggi - ha detto Lopane - credo sia un passo importante, voluto da ‘Con Emiliano’ come da tutti i gruppi consiliari che la hanno sottoscritta. Sul tema, inoltre, insieme ai presidenti di IV e V commissione e ai presidenti PD e Popolari con Emiliano, abbiamo chiesto di ascoltare in seduta congiunta delle suddette commissioni l’assessore all’Ambiente, Anna Grazia Maraschio, e il dirigente della sezione Ambiente, Barbara Valenzano. 

La mozione, approvata all’unanimità, e le azioni intraprese sono un forte segnale della compattezza delle istituzioni pugliesi nel perseguire il bene di tutti. Sono molto soddisfatto della direzione presa per far fronte comune in questa battaglia: ci sono tutti i presupposti per un lavoro puntuale a sostegno della posizione scelta. Il no al deposito di scorie è una voce corale in difesa della nostra cultura e dello di sviluppo sostenibile a cui la Puglia lavora da anni. Non possiamo indietreggiare di un millimetro di fronte al futuro dei cittadini pugliesi».