Scorie nucleari a Laterza, il no del sindaco Frigiola e del presidente Gugliotti

Politica
visibility337 - giovedì 14 gennaio 2021
di La Redazione
Più informazioni su
Franco Frigiola e Giovanni Gugliotti
Franco Frigiola e Giovanni Gugliotti ©

In diretta da un luogo "potenzialmente idoneo", il presidente della Provincia e il sindaco di Laterza hanno lanciato l'ennesimo "no" al deposito nazionale di rifiuti radioattivi nel territorio laertino.

È accaduto ieri, quando Giovanni Gugliotti e Franco Frigiola hanno manifestato, attraverso una diretta social in uno dei luoghi che la ditta Sogin ha candidato come possibile sito per lo stoccaggio dei rifiuti nucleari, l' "assoluta contrarietà" dei due enti alla realizzazione di un deposito di scorie nucleari, dopo tanto parlare negli ultimi tempi.

«Il tutto - ha informato Gugliotti - in sintonia con il documento approvato all'unanimità dal consiglio provinciale, e nella direzione verso cui si muoverà venerdì prossimo l'assemblea dei sindaci di terra ionica, anche alla presenza del presidente della provincia di Matera, Piero Marrese».

Il primo cittadino di Laterza, invece, ha parlato di "battaglia di territorio, non di campanile", riprendendo le parole di un documento sottoscritto dai sindaci di undici comuni, su iniziativa di Alessio Valente, sindaco di Gravina, città che insieme ad Altamura e Laterza è stata inserita nel piano.

«Siamo praticamente all’interno di una zona che è circondata da parchi: quello dell’Alta Murgia, quello della Murgia Materana, quello delle Gravine», ha sottolineato il presidente della Provincia di Taranto.

«Dall’inquinamento e dalla grande industria - ha aggiunto Gugliotti  -, noi stiamo prendendo le distanze e puntiamo su turismo e cultura anche dal punto di vista produttivo. Abbiamo quindi l’assoluta necessità di bloccare questa proposta che rappresenterebbe una battuta di arresto per il nostro territorio».