Italia Viva: «Migliorato il regolamento della biblioteca di Massafra»

Politica
visibility286 - giovedì 25 marzo 2021
di La Redazione
Più informazioni su
Biblioteca Comunale Paolo Catucci - Massafra
Biblioteca Comunale Paolo Catucci - Massafra © ViviWebTv

Continua il dibattito sul regolamento per il funzionamento della biblioteca comunale di Massafra, infatti dopo l'intervento del consigliere comunale Cardillo (clicca qui per rileggere l'articolo), sulla questione interviene anche Angelo Notaristefano per il circolo di Italia Viva di Massafra che, insieme al consigliere comunale Cardillo, ha formultato delle importanti modifiche al testo presentato dall'amministrazione.

«Durante l’ultimo consiglio comunale - scrive in una nota il renziano Notaristefano - è stato approvato il "Regolamento della biblioteca comunale Paolo Catucci di Massafra". Il regolamento ha visto l’importante contributo di Italia Viva e del consigliere comunale Ida Cardillo, ora la biblioteca avrà uno un regolamento adeguato alle nuove esigenze operative, tecnologiche e normative.

L'emendamento proposto è stato approvato colmando le carenze presenti nel testo proposto dall’amministrazione. Il nostro scopo è migliorare al massima la fruibilità, la partecipazione e l'inclusione della biblioteca.

La nuova formulazione prevede eliminazione di ogni riferimento ad orari di apertura come precedentemente previsto. Solo qualche mese fa la biblioteca era aperta dalle 8 alle 14 e dalle 15 alle 18, dal lunedì al venerdì. Il regolamento nella formulazione dell'amministrazione Quarto, in maniera arbitraria, imponeva la riduzione dell’orario di apertura dalle 9 alle 13 e l’apertura pomeridiana solo martedì e giovedì . Si passava da una biblioteca aperta 45 ore alla settimana a solo 26 ore di apertura (riduzione del 42,2%), riduzione che avevamo già denunciato nel gennaio 2020.

Con il nuovo regolamento, un’apposita deliberazione della Giunta Comunale stabilirà tempi e modalità di fruizione, tenendo conto degli organici in forza ma anche di possibili progetti di collaborazione o patti di servizio o altre attività. Coerentemente con le finalità, di valorizzazione e sviluppo culturale, diffusione dell’informazione, educazione permanente e promozione del diritto allo studio.

Nella modifica sono stati accolti altri articoli, le norme sull’incremento del patrimonio librario, sulle donazioni, sulle risorse finanziarie, sui fruitori “fragili”, sulla promozione della lettura e sulle attività culturali, sull’uso dei locali, sulla proposte d'acquisto, suggerimenti e reclami degli utenti e sulla partecipazione degli utenti. Le soluzioni proposte sono un cambiamento di abitudini, mentalità e  servono a potenziare il servizio con un forte protagonismo degli utenti.

Il regolamento, con le nostre modifiche, garantisce  a tutti i cittadini un pieno e concreto diritto allo studio, alla ricerca, all’informazione ed alla cultura. Diritti che devono essere garantiti a tutti , anche e soprattutto alle persone con un reddito basso o gli stranieri che vivono ai margini delle nostra città. Solo grazie alle biblioteche pubbliche, infatti, alcuni riusciranno ad accedere ai libri, imparare la nostra lingua ma soprattutto potranno accedere ai computer e alla rete internet.

Questo è un ulteriore passo in avanti - conclude Notaristefano -  che si aggiunge alla realizzazione rete wi-fi nel 2018.  Una proposta diventata realtà,  nata dalle richieste degli studenti della biblioteca e sostenuta dai Giovani Democratici».