Fratelli d'Italia: il coordinatore di Massafra si è dimesso

Politica
visibility1335 - sabato 19 giugno 2021
di La Redazione
Più informazioni su
Salvatore Ricci
Salvatore Ricci ©

A circa quattro mesi dalle elezioni amministrative, il coordinatore della sezione massafrese di Fratelli d'Italia Salvatore Ricci ha rassegnato le sue dimissioni.

«Dopo giorni di profonda riflessione - ha spiegato in una lettera inviata alla stampa Salvatore Ricci - ho seppur con dispiacere rassegnato, in data 18 giugno 2021 le dimissioni da coordinatore cittadino di Fratelli d’Italia. Intendo rendere pubblica questa mia decisone solo ed unicamente per evitare che ci siano strumetalizzazioni e/o interpretazioni varie ed errate.

I motivi di tale scelta scaturiscono da circostanze a carattere strettamente personali, nonché sopravvenuti ed ulteriori impegni di natura professionale. Non nego che è una decisione dolorosa e irrevocabile, presa con amarezza e maturata già da tempo, ma poichè è mia abitudine adempiere agli incarichi che mi vengono conferiti con il massimo dell’impegno, diligenza e professionalità, in questo particolare momento non sarei in grado di garantire l’espletamento delle funzioni di coordinatore al meglio ed a tempo pieno, ragion per cui non sarebbe onesto e corretto da parte mia continuare a rivestire un ruolo così importante, in un partito altrettanto autorevole, soprattutto in vista delle elezioni amministrative che si terranno nel prossimo autunno a Massafra.

Ringrazio tutti coloro che mi hanno coadiuvato nella gestione locale e naturalmente tutti i dirigenti, a partire dall’amico Pilolli (coordinatore provinciale pro tempore ai tempi dell’incarico) all’attuale coordinatore provinciale Iaia, al consigliere regionale Perrini, fino all’onorevole Meloni, che hanno sempre riposto nel sottoscritto fiducia piena ed incondizionata.

Resto naturalmente un convinto sostenitore e militante di Fratelli d’Italia e porgo a tutti l’augurio di un lungo e prosperoso cammino nel percorso politico intrapreso, che ci vede nei sondaggi sempre più in alto».