Tari a Palagianello, Miola: «L'aumento è colpa degli amministratori»

Politica
visibility729 - martedì 07 maggio 2019
di La Redazione
Più informazioni su
Antonio Miola di Aria di Cambiamenti
Antonio Miola di Aria di Cambiamenti © web

In consiglio comunale, l’Amministrazione Borracci, ha rivendicato il fatto che quest’anno non ci sarebbero stati aumenti sulle tasse.

«Tuttavia, la realtà, dalla quale ormai i nostri amministratori sembrano rifuggire cercando solo scuse, è evidente: scelte miopi, senza programmazione che si riflettono solo nell'immediato».

Il consigliere comunale Antonio Miola torna sull'argomento Tari a Palagianello e lo fa puntando il dito sulla Maggioranza.

«In questi giorni - scrive il consigliere di Aria di Cambiamenti - numerosi cittadini ed attività commerciali, si sono visti recapitare il bollettino con la tassa sui rifiuti con un pesantissimo aumento.

A nostro avviso, come più volte ribadito nelle nostre uscite pubbliche, l’aumento è da imputare solo ed unicamente ad un progetto sovradimensionato per Palagianello e senza la previsione di premialità per chi differenzia.

Hanno esposto, nei fatti e senza alcuno scrupolo, tutti i cittadini e le famiglie, ad un notevole sforzo economico che, in alcuni casi, non riesce nemmeno ad essere soddisfatto.

Più volte abbiamo proposto a questa maggioranza di trovare soluzioni congiunte che andassero nella direzione del risparmio per i cittadini, senza mai segni di volontà che andassero in tal senso.

Solo grazie al lavoro dell’opposizione, che ha evidenziato alcune irregolarità, si è iniziato ad applicare le penali come previsto dal contratto.

Vogliamo sapere - prosegue Miola in riferimento ad un'ammenda che il Comune vorrebbe comminare alla ditta appaltatrice - quale sarà il destino dei 56mila euro chiesti alla ditta. Sarebbe opportuno, secondo noi, con tale somma, pensare di ridurre la Tari.

Purtroppo, le favole raccontate dagli amministratori, arroccati nel palazzo, continuano a pesare sulle tasche dei cittadini.

Gli sforzi per ridurre le tasse ai cittadini - l'amara chiosa di Miola - non sono sicuramente uguali a quelli che si fanno quando c’è da garantirsi una cospicua indennità: è un dato di fatto!».