Il Ministro Elisabetta Trenta a Marina di Ginosa

Politica
visibility1278 - martedì 14 maggio 2019
di La Redazione
Più informazioni su
Il Ministro Trenta
Il Ministro Trenta © Web

Il 22 maggio, il Ministro della Difesa Elisabetta Trenta sarà in visita ufficiale a Marina di Ginosa per la sottoscrizione del Protocollo d’Intesa per il passaggio di proprietà di parte dell’area dell’ex Batteria Toscano dall’Aeronautica Militare e Agenzia del Demanio Puglia e Basilicata al Comune di Ginosa.

Per l’occasione, nel Palazzo della Delegazione in Piazza Indipendenza, nel primo pomeriggio si terrà una cerimonia a cui prenderanno parte tutte le istituzioni civili e militari coinvolte.

Tale procedimento, permetterà di fruire dell’area attraverso nuovi percorsi, di consentire l’accesso libero al mare e di avviare anche un progetto di recupero del bunker presente.

Questi interventi si uniscono a quelli previsti nel bando regionale vinto dal Comune di Ginosa intitolato “Paesaggi Costieri’’, il cui importo è pari a 1.300.000 euro.

Esso prevede l’abbattimento dei detrattori che impediscono l’accesso alla zona, il ripristino della duna e la sistemazione di un percorso ciclo-pedonale che connette il lungomare con le aree pinetate limitrofe.

«La presenza del Ministro della Difesa Elisabetta Trenta è motivo di enorme orgoglio per Ginosa e Marina di Ginosa - ha commentato il Sindaco Vito Parisi - grazie al passaggio ufficiale delle particelle della ex Batteria Toscano, sarà possibile dare il via alla rigenerazione urbana, che non può che partire dai luoghi pubblici, punto fermo per le comunità.

Attraverso queste progettualità, sarà possibile introdurre qualità e infrastrutture per il benessere dei cittadini e per il comparto turistico del territorio».

«Si tratta di un’azione volta alla sostenibilità non solo in termini ambientali, ma anche turistici e infrastrutturali - ha dichiarato l’Assessore alla Rigenerazione Urbana Emiliana Bitetti - stiamo investendo su progetti e azioni che migliorino la qualità dei luoghi e della vita delle persone, sensibilizzando a una “fruizione consapevole” delle bellezze intrinseche del nostro territorio da tutelare.

Quella della ex Batteria Toscano è sempre stata percepita dalla comunità come un’area “off limits’’, ma dopo un proficuo e costante confronto e collaborazione istituzionale, si appresta a divenire un punto nevralgico di connessione nella strategia di riqualificazione della costa».