news ed eventi CIA

Auto incendiate con dolo: immagini schiaccianti e ultimi sviluppi

Importanti sviluppi circa l'incendio doloso che a Castellaneta ha danneggiato e distrutto ben 6 automobili nella notte di San Valentino (clicca qui per rivedere il servizio video).

I filmati di diverse telecamere presenti in zona (è giusto precisare che si tratta di video pubblici diffusi dopo qualche ora e a più riprese sul web e sui social), immortalano un uomo, goffo e incerto, mentre compie la sua folle azione criminosa.

CLICCA QUI PER IL VIDEO

Sono le 2:07 del mattino di giovedì 15 febbraio quando questa persona, al momento non ancora identificata, incappucciata e con una specie di asciugamano bianco in dote si avvicina alla prima auto per incendiarla: una Mercedes di proprietà di un residente del centro storico.

Cerca di vincere il forte vento, cosparge del liquido infiammabile sulla parte anteriore della vettura e poi, rischiando anche di ustionarsi completa l’opera e scappa via chissà dove, perdendo anche per strada il suo asciugamano.

I carabinieri sono sulle sue tracce da ore e certamente avranno dalla loro parte altri filmati già sbobinati e capaci di inchiodarlo a stretto giro.

Che dietro quell’uomo ci sia qualcun altro non è ancora dato a sapersi ma, secondo fonti vicine alla caserma di via Maritano, appare molto probabile.

Intanto il mondo della politica si stringe attorno ai proprietari delle auto distrutte in segno di vicinanza e solidarietà.

Il primo a rompere il silenzio è stato Donatello Lemma, consigliere delegato al centro storico di Castellaneta.

«Voglio esprimere la mia profonda solidarietà e vicinanza agli amici, cittadini del centro storico che questa notte hanno visto andare a fuoco le loro auto a causa di un attentato infame che ha visto come vittima principale un amico. È un accadimento brutto che ha scosso tutta la cittadinanza, perché la sua premeditazione fa sentire tutti meno sicuri e mortificati da un gesto così vile e pericoloso.

Fortunatamente a parte il danno gravissimo a 6 automobili, non ci sono stati feriti o ripercussioni gravi, ma proviamo a pensare cosa sarebbe potuto succedere se ci fossero state macchine a metano o condutture dal gas nei pressi dell'incendio.

Inoltre per noi abitanti del centro storico è necessario aprire una riflessione sulla sicurezza nei nostri vicoli e nelle nostre piazze e all'occlusione delle via di fuga o di accesso dei soccorsi da parte delle troppe auto parcheggiate».

Poi è pervenuta una nota congiunta dell’opposizione: Giuseppe Angelillo, Francesca Arrè, Stefania Giannico, Walter Rochira, Maria Terrusi e Tommaso Tria hanno invocato serenità e collaborazione, al fine di riportare un clima cordiale tra le strade di Castellaneta e suoi social network, spesso vespai di sterili polemiche.

«Siamo profondamente sgomenti nell'apprendere dell'incendio doloso che ha colpito le automobili di alcuni cittadini del nostro paese. Esprimiamo la nostra sincera solidarietà alle persone coinvolte, condannando fermamente ogni forma di violenza.

Questo atto deplorevole non solo danneggia materialmente, ma mina anche il tessuto sociale della nostra comunità. La violenza porta solo altra violenza causando così un circolo vizioso senza fine.

Riflettiamo sull'importanza di promuovere un ambiente sicuro e pacifico per tutti i cittadini. La sicurezza dovrebbe essere garantita attraverso il rispetto delle leggi, la collaborazione tra comunità e l'empatia reciproca.

Forse è il tempo di rimuovere il clima d'odio che imperversa nel paese, soprattutto attraverso i social, per riacquistare un senso di comunità che mal concilia con l'insulto e la continua offesa.
Condanniamo categoricamente ogni gesto di violenza e sosteniamo un dialogo costruttivo per risolvere le controversie.

In questo momento difficile, ci uniamo alla comunità per promuovere la solidarietà e la coesione, affinché possiamo costruire insieme un futuro basato sulla pace e sulla giustizia».

Il messaggio del sindaco Gianni Di Pippa

«In mattinata ho incontrato i vertici del Carabinieri di Castellaneta per chiedere rassicurazioni circa il grave episodio incendiario che ha turbato la nostra comunità. 

I militari dell'Arma mi hanno evidenziato che le indagini per individuare il piromane procedono in maniera spedita al fine di consegnare alla magistratura al più presto il responsabile di vile atto criminale che ha coinvolto diversi nostri concittadini ai quali l'intera comunità manifesta solidarietà e vicinanza. 

Dai Carabinieri, così come dalle altre Forze dell'ordine presenti a Castellaneta, ho ricevuto l'impegno a rafforzare ancora di più la sorveglianza delle nostre strade compatibilmente con le risorse umane e finanziarie a loro disposizione. Da parte nostra, inoltre, abbiamo impegnato le risorse finanziarie, sia nel precedente bilancio che in quello in fase di redazione, per efficientare ed incrementare gli impianti di videosorveglianza nella nostra città per impedire che avvengano in futuro ulteriori atti criminali».

Le notizie del giorno sul tuo smartphone
Ricevi gratuitamente ogni giorno le notizie della tua città direttamente sul tuo smartphone. Scarica Telegram e clicca qui

La Redazione - gio 18 aprile

Torna puntuale l'appello alla donazione del gruppo Fratres donatori di sangue ...

La Redazione - ven 19 aprile

Figurano anche Ginosa, Laterza, Mottola e Castellaneta tra i comuni pugliesi obbligati ...

La Redazione - gio 18 aprile

Il deputato di Forza Italia Vito De Palma ha indirizzato una nota urgente ...