Cadavere nelle acque di Metaponto: la vittima era di Palagianello

Le operazioni di recupero Le operazioni di recupero © Rai News

Chi lo ha conosciuto in vita, oggi lo descrive come una persona tranquilla, educata e rispettosa.

Palagianello piange Giuseppe Mottola detto Pino, il cinquantanovenne che, per circostanze ancora al vaglio degli inquirenti, nella giornata di ieri è stato recuperato privo di vita dalle acque di Metaponto.

La procura di Matera che indaga sulle cause della sua morte sembrerebbe orientata su un’azione violenta: un omicidio, perché sul corpo della vittima sarebbero state trovate escoriazioni ma soprattutto una sospetta frattura alla base del collo e sangue nel naso e nelle orecchie.

L'uomo, secondo quanto riferito alla stampa, si era allontanato da casa da alcuni giorni. Nel momento del ritrovamento aveva ancora il suo portafogli e un cellulare privo di sim.

L’esame autoptico, ovviamente, farà presto luce su questa tristissima vicenda. Intanto è stato aperto un fascicolo per omicidio a carico di ignoti.

Le notizie del giorno sul tuo smartphone
Ricevi gratuitamente ogni giorno le notizie della tua città direttamente sul tuo smartphone. Scarica Telegram e clicca qui

Elena Amoruso - gio 13 ottobre

Sabato 15 ottobre, l'associazione “I Portulani” organizza una ciclopasseggiata ...

Mariella Eloisia Orlando - dom 16 ottobre

La giovane palagianellese Aida Castrovilli, atleta che cresce ...

La Redazione - lun 17 ottobre

I finanzieri della tenenza di Castellaneta, impegnati nei comuni di Ginosa, Laterza, ...