La ricetta di Vitale per le Comunali: «Centrodestra unito e primarie all'americana»

Antonio Vitale Antonio Vitale

«Lo strumento a cui noi del centrodestra dovremmo ricorrere per indicare il prossimo candidato sindaco è quello delle primarie» parola di Antonio Vitale.

L'ex coordinatore cittadino di Lega Giovani, già candidato al consiglio comunale di Castellaneta in occasione dell'ultima tornata elettorale, interviene con una nota stampa indicando l'unione del centrodestra come ricetta vincente in vista del prossimo futuro.

«Le diversità e le differenze - ha chiarito Vitale - non devono negare, si devono gestire garantendo a ognuno il proprio spazio offrendo un progetto unificante bastato su una competizione d’idee.

Non parlo di primarie modello sinistra italiana, limitate a una consultazione in un unico giorno. Bisognerebbe ricorrere al modello di primarie americano, che sono precedute da settimane di dibattito politico nel Paese e che lanciano, dopo la scelta del candidato, la vera campagna elettorale.

Così tutti gli elettori di centrodestra si sentirebbero coinvolti, non risulterebbe una scelta presa nella “stanza dei bottoni” troppo spesso antipatica e poco democratica. Sarebbe un processo politico in grado di far dare il meglio a tutti i candidati in campo.

Si consentirebbe allo “sfavorito” di ritagliarsi uno spazio importante e al “favorito” d’impegnarsi e di mettere in gioco le sue idee e magari modificarle grazie al dibattito e confronto democratico con gli altri candidati e con i cittadini.

Consentirebbe al vincitore di scegliere il suo vice (magari il secondo per preferenze) creando così un ticket per la campagna elettorale dando voce alla parte “sconfitta” nelle primarie.

Come si è visto nelle scorse elezioni, a una coalizione non basta più parlare di programmi, serve parlare alla gente e guadagnarsi il centro della scena politica con una vera e propria “bomba emotiva”.

Le settimane di campagna elettorale delle primarie si potrebbero sfruttare per parlare alla popolazione, per ascoltare i loro problemi e le loro idee.

La competizione dove essere aperta qualsiasi personalità che si rivede nei valori del centrodestra. Questo invito, dunque, non è rivolto solo ai politici, ma anche e soprattutto a professionisti e imprenditori che hanno a cuore la nostra città.

Una risposta positiva a questo appello darebbe la possibilità di correre uniti, di partire con mesi di anticipo lanciando una vera e propria mobilitazione territoriale.

Diversamente - ha concluso Vitale - si darebbe l’impressione di voler mantenere il controllo politico e amministrativo, si rischierebbe, per meri scopi personalistici, di correre divisi e di favorire la sinistra che, anche se divisa, riuscirà, come sempre, a unirsi prima delle elezioni. Facciamolo per il bene di Castellaneta, facciamolo per i castellanetani».

Le notizie del giorno sul tuo smartphone
Ricevi gratuitamente ogni giorno le notizie della tua città direttamente sul tuo smartphone. Scarica Telegram e clicca qui

Annabella Fuggiano - ven 2 dicembre

Un diario sentimentale, un filo rosso che unisce la politica, la scuola, la cronaca, lo ...

La Redazione - ven 2 dicembre

Dopo l’appuntamento di Acquaviva delle Fonti nei giorni ...

La Redazione - ven 2 dicembre

Venerdì 9 dicembre alle 18 nella parrocchia Cuore Immacolato di Maria di Castellaneta ...