news ed eventi CIA

Mago Greguro in scena con la Grotta del Mago

Spettacolo Mago Greguro Spettacolo Mago Greguro

La figura del Mago Greguro, personaggio noto agli abitanti del territorio rupestre, è al centro del progetto “Residenza artistica della grotta del mago di Milano” in corso di svolgimento a Massafra nell’ambito del progetto “Residenze per artisti nei territori 2022 – 24 Futuro Prossimo Venturo”.

A realizzarlo il Teatro delle Forche, con il sostegno della regione Puglia, in accordo col Ministero della Cultura attraverso l’intesa Stato/Regioni, e col patrocinio del Comune di Massafra.

Gli artisti Francesco Orlando, Annalisa Santambrogio, Sofia Orlando e Patrick Francipane sono al lavoro per mettere in scena lo spettacolo “Gruguro”, risultato di attività di studio e ricerca sulla leggenda del noto mago massafrese iniziata lo scorso agosto nella prima parte della Residenza.

La leggenda narra che Greguro, etichettato come “stregone”, era probabilmente un alchimista o guaritore vissuto durante il Medioevo affiancato da sua figlia Magarella (o Margherita anch’essa conoscitrice delle proprietà guaritrici delle erbe). Padre e figlia probabilmente abitavano all’interno di un complesso di grotte della gravina di Massafra; una in particolare presenta una struttura a “colombaio” in seguito a delle piccole nicchie scavate nella pietra (dove probabilmente si riponevano le ampolle con gli unguenti benefici) e prende il nome di “farmacia”.

Si racconta di contrasti tra Greguro e l’Igumeno che fu risolto “magicamente” dalla giovane Magarella.

 «Si tratta di una narrazione – spiegano gli artisti – che, al di là del folklore, aggiunge alla forza attrattiva del racconto popolare l’interesse per le radici di un territorio e offre temi archetipici e profondi con cui confrontarsi. I punti principali della nostra indagine sono: il vincolo primario del condizionamento dell’identità, la responsabilità della condizione di figlio o di genitore, il rapporto con l’inatteso e con la diversità, ovvero il peso del coraggio e della forza delle scelte personali.

Nella prima parte di Residenza abbiamo “giocato” le potenzialità sceniche del “simulacro”, attraverso l’uso di materiali “deperiti”. Nel soggetto proposto tutto è cosa viva: la natura e gli affreschi delle cripte sono corpo vivo che produce vita.

Gli oggetti e le immagini, i personaggi e il materiale iconografico sono stati parte integrante del percorso, procedendo di pari passo con la ricerca e lo studio delle soluzioni sceniche».

La Residenza Artistica prevede anche momenti aperti al pubblico: infatti il 7 dicembre scorso, gli artisti hanno incontrato gli allievi e attori del laboratorio di teatro “Légami sul palco”, a cura del Teatro delle Forche.

Sabato 10 dicembre, invece, doneranno alla comunità territoriale un momento di presentazione e restituzione pubblica del lavoro svolto in questi giorni: appuntamento alle 18 al teatro comunale “Nicola Resta” in Piazza Garibaldi.

Ingresso libero e gratuito sino ad esaurimento posti.

Le notizie del giorno sul tuo smartphone
Ricevi gratuitamente ogni giorno le notizie della tua città direttamente sul tuo smartphone. Scarica Telegram e clicca qui

La Redazione - ven 20 gennaio

Venerdì 20 gennaio, alle 18, nel teatro comunale Nicola Resta di Massafra si terrà la ...

La Redazione - dom 22 gennaio

Giorno di derby, quello odierno a Castellaneta. Sul manto sintetico dello stadio De Bellis, infatti, ...

La Redazione - sab 21 gennaio

Lo scorso 19 gennaio sono stati 700 kg di merce, all’interno di una attività ...