Edilizia scolastica al Vico di Laterza: il punto sui lavori

Attualità
visibility417 - martedì 29 dicembre 2020
di La Redazione
Più informazioni su
Il liceo Vico di Laterza
Il liceo Vico di Laterza ©

Non sono ancora partiti i lavori per la costruzione di nuove aule scolastiche al liceo Vico di Laterza, dove servirebbero interventi di edilizia leggera per aumentare gli spazi a disposizione.

Eppure la richiesta proviene da tempi lontani, ma è diventata particolarmente urgente negli ultimi tempi, complice l'incremento dei nuovi iscritti e l'emergenza pandemica, che ha costretto la dirigente scolastica Elena Silvana Cavallo ad adottare la didattica a distanza dopo pochi giorni di lezione in classe.

Tuttavia, rinvii e ritardi nei lavori avranno vita breve: infatti, come ha annunciato la scuola in una nota, le risorse economiche sono disponibili, pronte per essere investite, ma si resta in attesa dei dettagli esecutivi.

Il risultato è la conseguenza di un lungo pressing sulla Provincia di Taranto, frutto di una serie di incontri da luglio a ottobre 2020, data in cui il presidente Giovanni Gugliotti si disse pronto a stanziare una cifra sufficiente ad affrontare il problema, 220mila euro.

Le carte del progetto, secondo quanto pattuito dalle parti, sarebbero state consultate entro quindici giorni. Ciò non sarebbe avvenuto, così il 2 dicembre scorso, dopo numerosi solleciti, è stata organizzata una videoconferenza con il funzionario della Provincia Gianpiero Santoro, che, scusandosi del ritardo, ha confermato la redazione del progetto esecutivo.

Da allora, non c'è nulla di nuovo all'orizzonte: «Possiamo senz’altro concedere che i ritardi scaturiscano dalla situazione epidemiologica - ha aggiunto la scuola -, ma adesso è improrogabile accelerare il progetto di ampliamento, che si sarebbe potuto realizzare già nei mesi passati, consentendo la ripresa delle attività didattiche a gennaio o almeno dopo il periodo invernale».

Per questo, la scuola è giunta alla conclusione che bisognerà “accontentarsi” di risolvere i problemi legati alla mancanza di aule in occasione dell’inizio del prossimo anno scolastico, a condizione che si proceda subito con l’iter di approvazione del progetto e con la sua immediata realizzazione.

«Una cosa è certa - ha concluso la scuola -: questa volta siamo tutti attenti e rimaniamo “sul pezzo”, ovviamente non disponibili a farci raggirare».