Giornata nazionale del dialetto, doppio appuntamento a Mottola

Attualità
visibility243 - sabato 11 gennaio 2020
di Andrea Carbotti
Più informazioni su
Il logo ufficiale
Il logo ufficiale ©

L’ottava edizione della "Giornata nazionale del dialetto e delle lingue locali", organizzata dall'unione nazionale "Pro Loco d'Italia", si svolgerà come ogni anno il 17 gennaio. Per il sesto anno di fila aderirà anche Mottola, con diversi appuntamenti che, a vario titolo, coniugano alla perfezione cultura e lingua locale.

Si parte proprio il 17 gennaio, quando gli alunni delle scuole primarie "Dante Alighieri" e "Don Bosco" incontreranno Fabio Pappagallo, collaboratore di "Inchiostro di Puglia", il celebre portale che Michele Galgano ha dedicato a storie e persone della sua terra d'origine.

Il secondo appuntamento, nella stessa data, si terrà alle 18 nell'aula magna del liceo "Einstein", dove è previsto un dialogo tra il dialettologo Giovanni Laera e il poeta Vittorino Curci, dopo i saluti istituzionali del sindaco Giampiero Barulli e dell'assessore alla Cultura Crispino Lanza oltre a quelli del dirigente Pietro Rotolo per il "Lentini - Einstein" e di Angela Aloia per la "Pro Loco".

Le conclusioni, invece, saranno affidate a Fabio Pappagallo, mentre la presentazione a Virginia Mariani, docente dell'istituto "Manzoni". Al termine dell'evento, ci sarà un'estrazione per delle t-shirt di "Inchiostro di Puglia".

«Siamo convinti - ha detto il presidente della "Pro Loco" Pino Antonacci - che le piccole azioni, compiute da ogni singola persona, sono fondamentali ed imprescindibili per la salvezza e per la conservazione del patrimonio linguistico locale. Devono essere attuati da ognuno di noi e in modo particolare dai pui piccoli, adesso, perché non possono essere rinviati, pena la scomparsa definitiva delle lingue locali che abbiamo ereditato dai nostri nonni e nonne e dai nostri padri e madri.

Non possiamo delegare - conclude - questo compito allo Stato, agli enti locali, che comunque dovranno essere stimolati e coinvolti, e che lo saranno a maggior ragione se noi saremo capaci di compiere piccoli gesti montiplicativi per la nostra comunità.

Andrea Carbotti