L'associazione "Simba ODV" dona un ecografo portatile al Moscati

Attualità
visibility1502 - giovedì 26 marzo 2020
di La Redazione
Più informazioni su
Ecografo portatile Philips HD5
Ecografo portatile Philips HD5 ©

L’associazione "Simba ODV" dona un ecografo portatile Philips HD5 all’ospedale Giuseppe Moscati di Taranto.

Il macchinario sarà consegnato domani ai sanitari del reparto di Pneumologia dell’ospedale Moscati e al Direttore Generale Avv. Stefano Rossi.

«L’Associazione "Simba ODV", - commenta la dottoressa Deborah Cinquepalmi, presidente dell’Associazione - è attiva presso l’ospedale Santissima Annunziata da 10 anni al fianco dei bambini ospedalizzati. Tutti i volontari, al momento, a causa dell’emergenza Coronavirus non possono essere presenti nei reparti nei quali prestiamo servizio ma volevamo dare ugualmente un nostro contributo in questo periodo di grande difficoltà che tutti noi stiamo vivendo e non appena si è ventilata la necessità di acquistare questo importante strumento diagnostico, dopo una rapida consultazione con il direttivo, abbiamo deciso di intervenire».

Il macchinario, il cui costo si aggira intorno ai 17 mila euro avrà la funzione di effettuare l’ecografia del torace, ai pazienti affetti da Covid-19, essendo utilizzata come diagnostica predittiva della necessità di intubazione essendo più sensibile rispetto alla radiografia del torace.

Questa procedura, sensibile e specifica per la diagnosi di polmonite, garantisce diversi vantaggi ovvero consente la sua esecuzione al letto del paziente, occorre poco tempo per condurre l’esame e garantisce la mancanza di emissione di radiazioni ionizzanti

L’Associazione ha donato altresì dei fari illuminanti multicolori per illuminare tutte le sere entrambi i nosocomi, il Moscati e il Santissima Annunziata, con il tricolore, in segno di buon auspicio per la nostra città.

Infine l'associazione "Simba ODV" porta a conoscenza che tutte le donazioni che riceverà con la causale "Emergenza Coronavirus Taranto saranno utilizzate, in accordo con la Asl, per acquistare presidi sanitari ospedalieri utili che saranno destinati ai due nosocomi tarantini.