Tavolo Verde e Senso Civico scrivono al consorzio: «L'acqua non può essere rifiutata»

Attualità
visibility119 - martedì 15 settembre 2020
di La Redazione
Più informazioni su
Irrigazione
Irrigazione © Web

«Apprendiamo dagli agricoltori che per questa stagione irrigua il consorzio di bonifica intende respingere le domande di prenotazione da parte degli utenti non in regola con i pagamenti per le annualità pregresse scadute».

Comincia così la lettera che il Tavolo Verde di Palagianello e il movimento Senso Civico hanno scritto al commissario del consorzio di bonifica Stornara e Tara, l'avvocato Antonio Ermenegildo Renna.

Secondo i firmatari Pietro Ricci, Paolo Rubino e Maria Grazia Mellone il nostro ordinamento non consente metodi coercitivi come quello manifestato dal consorzio:

«L'acqua è un bene pubblico e non può essere rifiutata - si legge nella lettera -, peraltro non può essere diversamente reperita dagli agricoltori».

Inoltre, sul settore graverebbe l’azione incalzante della Soget, la Società gestione Entrate e Tributi, che starebbe operando diverse azioni esecutive e fermi amministrativi.

«Alla stregua di tanto - concludono Ricci, Rubino e Mellone -, chiediamo che venga fornita l’acqua agli agricoltori, cessando dai comportamenti di diniego coercitivi, e assicurata l’erogazione dell’acqua per l’intera stagione irrigua».