Decreto Ristori Ter, il Comune di Mottola vara gli aiuti

Attualità
visibility1491 - venerdì 27 novembre 2020
di Andrea Carbotti
Più informazioni su
Il municipio di Mottola
Il municipio di Mottola ©

Nuovi aiuti anti crisi per circa 2 miliardi, di cui 400 milioni da destinare ai sindaci per gli aiuti alimentari.

Sono queste, in estrema sintesi, le novità introdotte dal terzo decreto Ristori, che il Comune di Mottola è pronto ad attuare, iscrivendo al bilancio una somma di denaro come "misure urgenti di solidarietà alimentare", con un provvedimento della giunta.

Oltre alle risorse previste dal decreto, i Comuni potranno destinare alle misure di solidarietà anche eventuali donazioni. A tal proposito, l'amministrazione Barulli potrebbe aprire un conto corrente bancario o postare dove far confluire le somme, che saranno defiscalizzate.

Serviranno ovviamente all'acquisto di generi alimentari e prodotti di prima necessità, da destinare alle tavole delle famiglie più bisognose.

Famiglie (o anche singole persone) che saranno individuate dall'ufficio Servizi Sociali, che avrà cura di scegliere tra quelle messe più a dura prova dal Covid-19, che miete vittime soprattutto tra queste persone più deboli.

Precedenza, fa sapere l'assessore al Bilancio Francesco Agrusti, a quei cittadini che non percepiscono altri sostegni pubblici, come ad esempio il Reddito di Cittadinanza.

Per ultima, è da segnalare la richiesta delle sigle sindacali mottolesi (Spi Cgi, Fnp Cisl e Uilp Uil), che avrebbero chiesto di essere ricevuti dal sindaco per chiedere lumi riguardo l'assegnazione dei fondi, dopo alcuni dubbi riferiti a scelte fatte dall'ufficio in passato.

Andrea Carbotti