Immobili abbandonati nel centro storico di Massafra: al via la cessione gratuita

Cronaca
visibility5354 - mercoledì 30 dicembre 2020
di La Redazione
Più informazioni su
Immobile abbandonato a Massafra
Immobile abbandonato a Massafra © ViviWebTv

Il Comune di Massafra avvia le procedure per la cessione volontaria da parte dei proprietari dei fabbricati abbandonati ed in stato di degrado presenti nel centro storico.

Dopo l’adozione in Consiglio Comunale (settembre 2019) del Regolamento per l’acquisizione al patrimonio comunale di beni in stato di abbandono, l’Ufficio Tecnico ha effettuato una ricognizione generale del territorio comunale, giungendo all’individuazione di 50 fabbricati degradati e abbandonati.

L’elenco di tali immobili è consultabile sul sito istituzionale del Comune di Massafra, al seguente link https://comunedimassafra.it/index.php?id=19&oggetto=1180 . Nell’elenco, per ogni fabbricato è presente una scheda che riporta ubicazione, dati catastali, informazioni tecniche, ipotesi di riutilizzo e foto.

E con un avviso pubblico dello scorso 24 dicembre, il Comune invita ora i privati proprietari dei suddetti immobili ad inoltrare, entro il 23 gennaio 2021, proposta di cessione volontaria a titolo gratuito del bene, secondo il modello allegato all’avviso.

Evidente la finalità della procedura messa in atto dall’amministrazione Quarto: fronteggiare l’esteso fenomeno dell’abbandono degli immobili, specie nel centro storico, il cui degrado determina danni per l’ambiente, pericoli per l’incolumità pubblica e privata e rischi per le testimonianze storiche e culturali della città, favorendone il recupero, la riqualificazione ed il riuso ai fini turistici, sociali, culturali, istituzionali anche attraverso l’assegnazione temporanea ad associazioni o la cessione a terzi.

Il Comune, una volta acquisito il bene, si riserva di poter procedere anche alla demolizione dell’immobile per esigenze di tipo urbanistico (realizzazione di aree parcheggio, verde pubblico o miglioramento della viabilità stradale) o per grave precarietà strutturale.

Per gli immobili abbandonati che non saranno oggetto di cessione volontaria, nel caso in cui lo stato di abbandono sia tale da arrecare pregiudizio alla pubblica incolumità e/o alla sanità e igiene pubblica, è prevista l’adozione di apposita ordinanza, intimando ai relativi proprietari o aventi diritto sull’immobile di adottare tutti i provvedimenti necessari ad eliminare eventuali condizioni di pericolo, anche igienico-sanitario, e a ripristinare le condizioni di decoro nel termine perentorio di 120 giorni, prorogabili rispetto allo stato di avanzamento dei lavori.  In mancanza, saranno avviate le procedure per l’acquisizione coattiva al patrimonio comunale.