Disservizi in Guardia Medica, il sindaco di Palagianello si fa sentire

Cronaca
visibility292 - martedì 03 agosto 2021
di La Redazione
Più informazioni su
Maria Rosaria Borracci, sindaco di Palagianello
Maria Rosaria Borracci, sindaco di Palagianello ©

Salvaguardare il diritto alla salute dei palagianellesi.

Questo, in sintesi, ha spinto il primo cittadino Maria Rosaria Borracci ha scrivere al direttore generale della Asl di Taranto, il dottor Rossi, alla dirigente del distretto 1, la dottoressa Pupino, e all'assessore regionale alla Salute, il professor Lopalco.

«Sono giunte segnalazioni circa l'assenza del medico di guardia. In particolare, negli ultimi weekend, molti i pazienti che avrebbero avuto il bisogno di consulti e diagnosi purtroppo non hanno avuto la possibilità di ottenerli a causa della mancanza del servizio. 

Un vero problema. A causa della chiusura per ferie dei vari studi medici la situazione è degenerata e moti sono i cittadini in difficoltà che non hanno avuto la possibilità di recarsi altrove ed hanno provveduto alla loro salute con mezzi di fortuna. 

Preme ribadire che la presenza sul territorio di un punto di primo intervento sanitario è di vitale importanza e, in una situazione di vera e propria emergenza sanitaria, dà maggiore tranquillità alla cittadinanza.

La continuità assistenziale si rende ancora più cruciale in questo momento pandemico, nell’ottica del non congestionamento dei Pronto Soccorso e del servizio del 118, che è fondamentale che ora si occupino solo dei casi realmente urgenti, invece di lasciare che i medici dei PPSS passino una notevole parte del loro tempo con pazienti probabilmente non gravi, che dovrebbero trovare una risposta sul territorio.

Si chiede, pertanto, una riorganizzazione del servizio di Guardia Medica nel Comune di Palagianello, che non resti mai scoperto a causa di contingenze del medico di turno, in una comunità con una netta prevalenza di persone anziane, spesso malate, e comunque impossibilitate a spostarsi anche a causa di un servizio di trasporto pubblico carente».