Tamponi al San Pio: si teme un bollettino di guerra

Cronaca
visibility42875 - giovedì 19 marzo 2020
di Dario Benedetto
Più informazioni su
Ospedale San Pio di Castellaneta
Ospedale San Pio di Castellaneta ©

I risultati dei tamponi ai quali ieri mattina sono stati sottoposti medici, infermieri e personale sanitario del San Pio sono arrivati, ma la Regione Puglia e la Asl di Taranto non hanno comunicato ancora nulla a riguardo.

Nessuna ufficialità, quindi, ma solo voci di corridoio: forti, fortissime, ma pur sempre solo voci, perciò da prendere con le pinze.

Nessun nome, ma solo tanta preoccupazione per quello che potrebbe presto palesarsi come un vero e proprio bollettino di guerra: si parlerebbe, infatti, di positività a doppia cifra tra gli oltre 50 tamponi esaminati, e di interi reparti a rischio chiusura (si teme, come sempre, per Pediatria e Ginecologia-Ostetricia).

Nella giornata di venerdì 20 marzo il quadro sarà sicuramente più chiaro: in mattinata, infatti, è previsto un summit urgente tra il direttore sanitario Tatò (che quindi per logica risulterebbe negativo al tampone), il presidente della Provincia Gugliotti, il direttore generale Asl di Taranto Rossi, il medico competente Piccinni ed il direttore del dipartimento Promozione della Salute Montanaro.

Poi, via alla seconda trance di tamponi nasali e faringei, ai quali si sottoporranno altri dipendenti ospedalieri che nei giorni scorsi sono venuti a contatto con il dottor Montemurro (il dirigente medico risultato positivo al Covid-19 ed attualmente ricoverato nel reparto Malattie Infettive dell’ospedale Moscati di Taranto).

Infine stanotte, ultima informazione trapelata, partirà con urgenza un’ulteriore sanificazione degli ambienti ospedalieri del San Pio.