Annullato il sequestro di mascherine alla Polyedil di Massafra

Cronaca
visibility1152 - mercoledì 10 giugno 2020
di La Redazione
Più informazioni su
PolyEdil
PolyEdil ©

"La società POLYEDIL srl di Massafra, comunica che il Tribunale del Riesame di Taranto, prima sezione penale, con ordinanza depositata quest’oggi in cancelleria, ha accolto il ricorso presentato dall’avvocato Carlo Raffo, legale della società, e ha annullato il decreto di sequestro probatorio emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Taranto lo scorso 27 marzo, ordinando l’immediata restituzione di quanto in sequestro."

Così esordiscono, in una nota, la POLYEDIL srl di Massafra, facente parte del gruppo POLIBECK in merito al sequestro circa 10mila mascherine da parte della Guardia di Finanza a fine marzo (clicca qui per rileggere la notizia).

"Una pronuncia della quale la società prende atto con grande soddisfazione, - scrive l'azienda - a dimostrazione della legittimità del proprio operato.Ricordiamo che in data 26/03/2020, a seguito di una verifica eseguita dal personale della Guardia di Finanza di Taranto – Nucleo Economico, la nostra società ha subito il sequestro di una partita di mascherine FFP2, appena acquistata da un proprio fornitore operante sul territorio nazionale.

Tale merce, pervenuta presso i nostri magazzini solo nella prima mattinata del 26/03/2020, era destinata alla vendita, per soddisfare le richieste di numerosi clienti, che da giorni ci chiedevano forniture di tale materiale, per proseguire l’attività lavorativa con l’ausilio dei presidi necessari per la tutela dei lavoratori.

La percentuale di ricarico del prezzo applicato alla clientela era assolutamente conforme a quella normalmente applicata dalla nostra società, che non ha mai posto in essere pratiche commerciali illecite o manovre di tipo speculativo.

Il prezzo di vendita al pubblico, infatti, è sempre stato applicato sulla base del costo di acquisto delle merci applicato dai fornitori di riferimento (regolarmente da noi pagato) e non può certo attribuirsi a scelte commerciali improprie e tanto meno illegittime della società.

A tal proposito, deve segnalarsi che nelle due settimane precedenti al sequestro, la nostra società era già stata sottoposta ad altri due controlli, relativi alla verifica dei prezzi applicati sulle medesime merci, eseguiti da altri reparti della Guardia di Finanza, che non avevano rilevato alcuna anomalia e non avevano effettuato alcuna contestazione.

La pronuncia del Tribunale del Riesame dimostra che la società POLYEDIL ha operato nel rispetto della legalità. La società POLYEDIL si affiderà con estrema fiducia alla magistratura per tutelare la propria immagine in tutte le sedi opportune e nei confronti di chiunque ha diffuso informazioni false e tendenziose in danno della medesima società e dei propri rappresentanti e responsabili."