Dà di matto e aggredisce gli agenti, arrestato: un giorno di ordinaria follia nel duomo di Taranto

Cronaca
visibility1926 - lunedì 19 ottobre 2020
di Andrea Carbotti
Più informazioni su
Le immagini della giornata
Le immagini della giornata ©

È entrato in chiesa con un crocifisso e ha cominciato a dare di matto. Non pago, all'arrivo della polizia si è scagliato contro gli agenti, ma è stato arrestato per resistenza a pubblico ufficiale e minaccia aggravata.

È passato dai banchi della chiesa a quelli del tribunale Denis Gerard Concoran, irlandese di 48 anni, arrestato dalla squadra Volante dopo un curioso episodio di ordinaria follia, avvenuto ieri mattina nel duomo di Taranto.

Erano da poco passate le 11:30 quando nella navata centrale ha fatto ingresso l'uomo, dall'aspetto tipicamente irlandese, vantandosi di essere "Il messaggero di Dio".

Concoran ha minacciato i fedeli, poi è passato alle urla e agli spintoni. Per farla breve, tutti sono andati via, ma qualcuno è riuscito a chiamare il 113.

I poliziotti lo hanno bloccato mentre cercava di salire sull'altare maggiore, ci hanno provato con le buone ma hanno rimediato qualche insulto di troppo, allora con le cattive lo hanno immobilizzato e trascinato fuori dalla basilica.

Condotto in Questura, è stato identificato e arrestato: in ufficio, gli agenti hanno scoperto che l'uomo non è nuovo a comportamenti del genere. A settembre, infatti, pare abbia fatto qualcosa di simile anche in piazza San Pietro durante un'udienza del papa.

A seguito delle formalità di rito, Concoran è stato rinchiuso nel carcere di via Speziale, così come disposto dalla Procura del capoluogo.

Andrea Carbotti