Cellamare sul San Pio: «Bene nuovi posti Covid ma non si trascurino gli altri reparti»

Cronaca
visibility980 - lunedì 30 novembre 2020
di La Redazione
Più informazioni su
L'assessore ai Servizi Sociali Alfredo Cellamare
L'assessore ai Servizi Sociali Alfredo Cellamare © web

«Disponibilità ed efficienza nell'individuare nuovi posti Covid ma che sia garantita l'attività di ambulatori e servizi per le patologie "Non Covid».

Il commento dell'assessore Alfredo Cellamare giunge a seguito della notizia dell'attivazione di nuovi 23 posti all'interno del reparto cardiologico dell'ospedale San Pio di Castellaneta che, dati aggiornati a ieri domenica 29 novembre, ha accolto i primi 7 pazienti Covid.

«Il nostro è un ospedale di frontiera di un territorio vasto - scrive Cellamare in una nota - ci sono patologie non Covid che non possono né devono essere defilate come anche interi reparti come chirurgia, ortopedia e ginecologia che devono poter continuare ad espletare l'attività normalmente a Castellaneta.

Un ringraziamento va al lavoro delle direzioni sanitarie di Castellaneta e a quella generale per il grande impegno, insieme al personale, per far si che l'ospedale San Pio possa funzionare in sicurezza grazie alle potenzialità mediche presenti che devono essere messe in condizioni di lavorare per il bene del cittadino-paziente».