Ex Ilva, Antonicelli: «Spettacolo pietoso di alcuni sindaci della provincia»

Politica
visibility513 - domenica 10 novembre 2019
di La Redazione
Più informazioni su
Il consigliere Mino Antonicelli
Il consigliere Mino Antonicelli ©

«Spettacolo pietoso quello di alcuni sindaci della provincia in raduno in Ilva apparso ieri sulla stampa, laddove i primi cittadini lamentavano di non aver saputo nulla della visita del Presidente del Consiglio Conte nello stabilimento».

Non le manda a dire nemmeno stavolta l'avvocato Mino Antonicelli. Il consigliere comunale in forza a "Palagianello Bene Comune" è infatti intervenuto con una nota stampa sulla vicenda Arcelor Mittal.

«Spettacolo pietoso - ha incalzato - perché, i sindaci del versante occidentale, in particolare il sindaco Borracci, solo oggi si accorgono della tragedia che sta colpendo non solo Taranto, ma anche i comuni che rappresentano, sia sul piano occupazionale che sul quello ambientale.

Le famiglie dei comuni della provincia non sono state e non sono rappresentate dalle Istituzioni locali, che, si badi, benché privi di poteri decisionali, avevano ed hanno il dovere di far sentire forte la propria autorevole voce in difesa delle proprie comunità.

E non non basta lamentare di non essere stati invitati ai tavoli decisionali: se Maometto non va alla montagna, la montagna va da Maometto.

I sindaci - ha spiegato Antonicelli - avevano il dovere di far sentire la voce delle comunità rappresentate, già da quando l’Ilva entrava in crisi e veniva reso palese l’altro grado di inquinamento ambientale, con drammatiche ripercussioni sul livello occupazione, sulla salute dei propri concittadini e su agricoltura e allevamenti, e quindi sull’intera economia delle nostre comunità, a prevalente vocazione agricola, fortemente colpita, a torto o a ragione dall’allarme diossina e inquinamento .

Ed invece abbiamo assistito al silenzio tombale dei sindaci ed al pietoso piagnisteo dell’ultima ora "Non sapevamo nulla della visita di Conte".

Vogliamo sperare - ha concluso Antonicelli - che da oggi si volti pagina, e si mettano in campo proposte e strategie, con il coinvolgimento dei rispettivi consigli comunali, rappresentanze sindacali, associazioni e dell’intera cittadinanza».