SS 7 Taranto - Massafra: la Regione Puglia ha chiesto definanziamento del progetto superstrada

Politica
visibility4132 - mercoledì 24 giugno 2020
di La Redazione
Più informazioni su
Statale 7 Appia
Statale 7 Appia © ViViWebTv

«Emiliano penalizza nuovamente le infrastrutture della Provincia di Taranto».

Così esordisce, in una nota, il deputato del MoVimento 5 Stelle, Giovanni Vianello, membro della commissione Ambiente, Territorio e Lavori pubblici della Camera.

«In programma vi era - continua Vianello - la creazione di una nuova strada in sezione B (a due carreggiate) che, aggirando la trafficata Massafra, avrebbe velocizzato il percorso della SS 7, e quindi collegato, con una "superstrada" maggiormente veloce e sicura, la città di Taranto sia all'autostrada che alla SS 100: un'esigenza che i tarantini aspettano da almeno 40 anni. Tuttavia la Regione Puglia ha bloccato l’opera chiedendo il definanziamento dei 65 milioni di euro, già stanziati con i fondi Sviluppo e Coesione, per dirottarli altrove.

Anas, dimostrando molto più buon senso della Regione, ha chiesto che questi fondi fossero utilizzati almeno per il raddoppio parziale della SS 100, facendoli rimanere quindi nella provincia ionica. In merito alla richiesta di Anas non abbiamo peró ad oggi riscontri da parte della Regione. Ricordo inoltre che il raddoppio della SS 100 è "parziale" e non "totale" sempre a causa della Regione Puglia che, invece di programmare il raddoppio alla sezione B di tutta la strada, ha volutamente ignorato il tratto tra San Basilio (Mottola) e Massafra, inventandosi con una "fenomenale" curva a gomito un raccordo con il casello autostradale a San Basilio.

In questo modo non verrà eliminato il tristemente famoso ‘tunnel della morte’ che si trova a Mottola lungo la SS 100. Tutti i pendolari, i cittadini della provincia ionica e persino i turisti sono ben consci delle problematiche che ci sono sul tragitto tra Taranto e Bari, che tra l’altro è anche una rete TEN-T di rilevanza europea, ma evidentemente per Emiliano la provincia di Taranto non è neanche di tipo B bensì di tipo C».