Regionali, la lista completa dei consiglieri eletti tra Taranto e provincia

Politica
visibility39063 - martedì 22 settembre 2020
di La Redazione
Più informazioni su
Consiglio Regionale della Puglia
Consiglio Regionale della Puglia ©

I 50 ambìti seggi del Consiglio regionale cominciano a popolarsi e la suddivisione, seppur ancora ufficiosa in quanto potrà essere oggetto di ulteriori verifiche, è stata già resa nota dal Viminale.

In tutta la regione i seggi spettanti alla maggioranza saranno 28; 23 invece quelli dei membri delle opposizioni. In provincia di Taranto invece saranno 4 e 4.

Ginosa ne elegge due, Laterza uno, poi il vuoto: in Regione, il versante occidentale della provincia di Taranto sarà rappresentato solo da tre consiglieri.

Uno in maggioranza, Gianfranco Lopane, due all’opposizione, Marco Galante e Vito De Palma.

In provincia di Taranto per la coalizione di Michele Emiliano saranno due i candidati della lista "Partito Democratico": il martinese Donato Pentassuglia (10.253 voti) e il tarantino Vincenzo Di Gregorio (4.531 voti) con il primo dei non eletti, il massafrese consigliere uscente Michele Mazzarano (4.378 voti).

Per la lista "Popolari con Emiliano" ce l’ha fatta Massimiliano Stellato (4.272 voti), per la lista "Con Emiliano" il laertino Gianfranco Lopane (6.671 voti) con la prima dei non eletti la palagianese Giuseppa Bove (3.211 voti).

Tra le fila delle opposizioni, per la coalizione a sostegno di Raffaele Fitto, un seggio a "Fratelli d'Italia" con il crispianese Renato Perrini (10.185 voti), alla "Lega - Salvini Puglia" con il martinese Giacomo Conserva (5.264 voti) e a "Forza Italia" con il ginosino Vito De Palma (3.667 voti).

Per la coalizione a sostegno di Antonella Laricchia, infine, solo un seggio per la lista "Movimento 5 Stelle", per la gioia del riconfermato Marco Galante (2.301 voti) con la prima dei non eletti la massafrese Gaia Silvestri (2.148 voti).

Tanti gli esclusi illustri: per citarne alcuni, oltre a Michele Mazzarano di cui abbiamo già parlato, Antonio Scalera, Mino Borraccino e Francesca Franzoso.