Clamoroso in Regione: Mazzarano ce l’ha fatta?

Politica
visibility5290 - giovedì 29 ottobre 2020
di La Redazione
Più informazioni su
Michele Mazzarano
Michele Mazzarano ©

Regionali 2020, cambia lo scenario. Notizie per certi versi clamorose, almeno per Massafra e Ginosa, giungono dalla Corte d’Appello di Bari, che avrebbe da poco terminato i suoi calcoli assegnando 29 seggi alla maggioranza di Michele Emiliano (anziché di 27); un fattore che, qualora trovasse conferma ufficiale, modificherebbe il quadro degli eletti.

In particolare, in provincia di Taranto sono ore di trepidante attesa per il massafrese Michele Mazzarano, primo dei non eletti del Partito Democratico con 4.378 voti: l’ex assessore regionale e consigliere uscente (in foto) a questo punto ce l’avrebbe fatta, tesi confermata anche dal suo entourage già in festa.

Gioisce la maggioranza, piange parte delle opposizioni: a pagarne le spese sarebbe proprio il ginosino Vito De Palma, primo tra Taranto e provincia nella lista di Forza Italia con l’immenso bottino di 3.667 voti conquistati.

Salvo il seggio del pentastellanto Marco Galante (2.301 voti per lui), mai in discussione quello del laertino Gianfranco Lopane (6.671 voti) della lista "Con Emiliano" ed attesa per il martinese Giacomo Conserva primo della lista "Lega - Salvini Puglia" con 5.264 voti: il suo seggio infatti spetterebbe al candidato presidente Raffaele Fitto che però, a meno di ulteriori clamorosi capovolgimenti di fronte, dovrebbe dimettersi e fargli posto.

Tramonterebbero definitivamente, infine, le speranze di elezione dei candidati consiglieri Antonio Scalera candidato in "La Puglia Domani" per Fitto e Mino Borraccino candidato in "Senso Civico" per Emiliano.