Agrusti, l’assessore nuotatore: Oro alla "Taranto Swimming Race"

Sport
visibility433 - mercoledì 11 settembre 2019
di Andrea Carbotti
Più informazioni su
L'assessore Agrusti sul podio
L'assessore Agrusti sul podio ©

Un nuotatore che non ti aspetti sul tetto della "Taranto Swimming Race", competizione di nuoto in acque libere tra le più importanti del territorio.

Stiamo parlando di Francesco Agrusti, una figura che spesso trova spazio su queste pagine per altri motivi. È, infatti, l'assessore al Bilancio, al Personale e alle Attività Produttive del Comune di Mottola, una carica che ricopre dal 2017.

La manifestazione, patrocinata da numerosi enti tra cui Regione Puglia, Provincia di Taranto, Comune di Taranto e Marina Militare, ha visto anche la partecipazione straordinaria della 14enne tarantina Benedetta Pilato, Argento mondiale nei 50 rana, che ha gareggiato sulla distanza di 1,8 chilometri.

Con lei, anche altri 300 atleti che hanno aderito alle 3 gare in programma: per i nuotatori master sulle distanze di 5 e 1,8 chilometri, mentre di 1,5 chilometri per gli atleti liberi.

A rappresentare con successo i colori di Mottola ci ha pensato, dunque, l'assessore Francesco Agrusti, che nella sua terza vita, dopo quella di amministratore e di consulente di direzione aziendale, si è scoperto nuotatore, conquistando diverse medaglie nei campionati regionali master in piscina e in acque libere.

L'assessore, che per la cronaca è anche laureato in Fisica con una tesi sulle particelle elementari, ha preso parte a entrambe le competizioni riservate ai master, portando a casa una medaglia d'oro di categoria sulla distanza di 1,8 chilometri e una d'argento di categoria sulla distanza di 5 chilometri.

Una passione, quella del nuoto agonistico, scoperta tardi, dopo aver varcato la soglia dei 40 anni di età, ma che lo ha portato, tra l'altro, a inanellare una serie di positivi successi.

«Un'attività - racconta Agrusti - che in questo caso implica anche del sacrificio, visti i tanti impegni di lavoro e quelli istituzionali. Quasi tutti i giorni la sveglia alle 5:40 ha il compito di ricordarmi che devo essere pronto, circa un’ora dopo, a tuffarmi nella corsia 5 della piscina “Otrè" di Noci, per i miei allenamenti.

Ma la soddisfazione più grande - confessa -, al di là delle medaglie, è quella non solo di far parte di una squadra meravigliosa e con un 'mister' di eccellenza (Matilde Petruzzi, ndr), ma anche di condividere tutto questo con tanti avversari/amici».

Andrea Carbotti