Europei di parataekwondo, Sara Enea sconfitta con onore

Sport
visibility368 - giovedì 07 novembre 2019
di Luigi Serio
Più informazioni su
Sara Enea
Sara Enea ©

Lo scorso 31 ottobre, al Palaflorio di Bar, la città di Bari ha fatto da cornice all'esordio sul tatami più importante d'Europa per l'atleta massafrese Sara Enea.

L'atleta di Massafra ha sfidato con la maglia azzurra gli atleti più forti nel Campionato europeo di parataekwondo ma il sogno di Sara Enea si è infranto agli ottavi di finale, contro la russa Ayshat Ramazanova: decisivo il risultato di 1-22 contro una vera e propria stella della disciplina, attualmente numero 4 del ranking.

«È stato un evento al limite di ogni emozione e sensazione - ha commentato ad una nostra intervista l'atleta massafrese - e affrontare la prima gara e per di più a livello Europeo, con la divisa della nazionale italiana non è da tutti ed io ho avuto questo grande onore.

Un grazie va al mio maestro Domenico L'Erario dell'Asd Taekwondo Taranto che non ha mai minimamente dubitato della mia determinazione.

Non ho conquistato una medaglia ma ad ogni modo ho rotto il ghiaccio in un mondo di campioni di vita oltre che di Sport. Abbiamo conseguito come squadra nazionale italiana Parataekwondo il terzo posto nel medagliere europeo, facendo incetta di medaglie e conquistando 1 oro, 2 argenti e 4 bronzi.

Tutto ciò mi rende ancor più orgogliosa di appartenere a questo grandioso team - conclude Sara - e sono soddisfatta di come abbia saputo gestire tensione emotiva e resistenza. Il mio lavoro continua incessante e costante al fine di migliorare sempre più le prestazioni per i prossimi incontri».