Al "San Pio" di Castellaneta complesso intervento di nefrectomia parziale a paziente sveglio

Attualità
visibility5033 - domenica 17 gennaio 2021
di Annabella Fuggiano
Più informazioni su
L'ospedale  San Pio  di Castellaneta
L'ospedale San Pio di Castellaneta ©

Un complesso intervento chiurgico portato a termine con successo: è quanto accaduto al San Pio di Castellaneta dove è stata eseguita una procedura di nefrectomia parziale per un tumore renale con una innovativa tecnica di anestesia spinale combinata.

Tale tecnica, un'anestesia spinale subaracnoidea più anestesia peridurale, ha permesso infatti di mantenere sveglio il paziente durante l'intervento.

Elemento, quest'ultimo, estremamente importante in quanto consente di evitare l'anestesia generale e le complicanze ad essa correlate, in pazienti anche anziani (come nel caso in questione), affetti da più patologie (in particolar modo respiratorie e cardiovascolari), garantendo una pronta ripresa e una migliore copertura del dolore post-operatorio che si rivela spesso particolarmente intenso negli interventi che interessano il rene.

Un intervento importante quello eseguito dall'équipe anestesiologica composta dalle dottoresse Camilla Dimito e Romana Palazzo e dall'équipe urologica composta dal dottor Donato Barnaba, dal dottor Sebastiano Di Lena e dal dottor Marco Rinaldi, coordinata dal direttore dell'Unità Operativa di Chirurgia Generale, dottor Angelo Santo Pepe, che, nonostante la maggiore complessità rispetto ad una nefrectomia radicale, ha permesso di risparmiare il rene e la sua funzionalità.