Palasport di Castellaneta, partiti i lavori di manutenzione straordinaria

Attualità
visibility556 - mercoledì 17 febbraio 2021
di La Redazione
Più informazioni su
Lavori in corso al palazzetto dello sport
Lavori in corso al palazzetto dello sport ©

Sono arrivate questa mattina da Bressanone (Trentino Alto Adige), le nuove capriate del palazzetto dello sport di Castellaneta.

Da qualche ora, così, sono ufficialmente partiti i lavori di manutenzione straordinaria di una delle strutture più amate dai castellanetani, e negli anni ribattezzata come "Palatifo".

La necessità della sostituzione delle capriate si è resa evidente solo durante l'intervento di impermeabilizzazione del tetto avviato la scorsa estate, lavori interrotti proprio dalla scoperta del pessimo stato della parte interna della struttura in legno, che secondo quanto riferito dall’Amministrazione comunale rischiava di far crollare l'intera copertura.

Un progetto di manutenzione pari a 115mila euro ai quali vanno sommati ulteriori 90mila euro relativi all’impermeabilizzazione.

Il cronoprogramma dei lavori, fanno sapere da Palazzo di Città, prevede circa 30 giorni di attività, comprensivi della sostituzione dello strato di impermeabilizzazione.

I lavori di manutenzione straordinaria del palazzetto tuttavia non termineranno qui: si punterà presto alla piena agibilità della struttura e alla messa in sicurezza della stessa entro il prossimo autunno (nuovi impianti elettrici, termici ed antincendio, oltre al ripristino delle parti ammalorate del campo di gioco.

Parallelamente alla riapertura della struttura, però, il Comune di Castellaneta fa sapere di essere a lavoro anche per un secondo intervento straordinario: si tratterebbe di un vero e proprio restyling, con la realizzazione della nuova gradinata, in sostituzione dell'attuale, e nuovi spogliatoi e servizi. Un progetto per il quale sono state già trovate le risorse e programmata la realizzazione nel 2022.

Piccola curiosità a margine della notizia: le lunghissime travi arrivate oggi a Castellaneta sono realizzate dalla ditta Rubner Holzbau, la stessa che nel 1995 costruì la copertura in legno della struttura.