San Pio, un ricovero lungo più di un mese per Covid: «Oggi il mio grazie è tutto per il personale»

Attualità
visibility5254 - mercoledì 03 marzo 2021
di La Redazione
Più informazioni su
L'equipe del reparto Covid di Cardiologia del San Pio di Castellaneta
L'equipe del reparto Covid di Cardiologia del San Pio di Castellaneta © .

La lotta contro il Covid di R.G., una donna 69enne originaria di Mottola, è durata circa 40 giorni e cioè da quando, quel 21 gennaio 2021, è stata ricoverata nel reparto Covid di Cardiologia del San Pio, diretto dal dottor Giovanni Luzzi, a causa delle conseguenze problematiche della malattia.

Oggi la donna è stata finalmente dimessa e il suo primo pensiero è tutto per il personale del reparto di Cardiologia ma anche per tutto il presidio ospedaliero di Castellaneta.

«Ho seriamente temuto di non rivedere più mia madre» - ha confessato suo figlio Tommaso, operatore sanitario della Sanità Service che oggi ha voluto condividere l'esperienza vissuta.

«Sono stati giorni di paura. Prima la CPAP, poi la maschera Venturi e poi finalmente mia madre ha cominciato a migliorare e questa mattina sarà dimessa. Il mio ringraziamento e quello di mia madre è tutto per il personale del reparto di Cardiologia: medici, infermieri ma anche operatori sanitari per la loro professionalità, umanità e per l'assistenza continua fornita giorno dopo giorno».

Quella della signora R.G. si unisce ad altre testimonianze di gratitudine che negli ultimi giorni hanno interessato il San Pio: «Leggere testimonianze di questo tipo non può che rendere onore all'operato di medici, infermieri, operatori e di tutto il personale sanitario dell'ospedale di Castellaneta - ha commentato l'assessore ai Servizi Sociali e Sanità Alfredo Cellamare - A nome di tutta l'Amministrazione rivolgo il mio plauso al reparto di Cardiologia ma lo stesso vale per il reparto Medicina Covid e in generale per  tutto il nostro ospedale che, in sicurezza, sta garantendo prestazioni d eccellenza».