Le reliquie di sant’Antonio a Mottola per tre giorni di festa

Attualità
visibility957 - venerdì 14 settembre 2018
di Andrea Carbotti
Più informazioni su
.
. © .

Dopo la prima “peregrinatio” datata 2003, quindici anni più tardi Sant’Antonio di Padova ritornerà a Mottola. Direttamente dal capoluogo veneto, infatti, sarà traslato per la seconda volta un busto dorato di circa 18 chili di peso raffigurante il frate portoghese e contenente una reliquia “ex ossibus” dello stesso. Il simulacro sosterà dal 14 al 16 settembre nella Chiesa Madr.

L’evento è reso possibile dalla presenza a Mottola della confraternita dedicata al santo di Padova, che ha promosso e finanziato l’intero evento, ricco di appuntamenti.

L’arrivo del reliquiario è previsto in serata, quando al termine di una breve processione che si snoderà nelle vie del centro, il vescovo della diocesi di Castellaneta celebrerà una messa e benedirà il pane.

Per domani, invece, è prevista un’altra benedizione del pane e un annullo filatelico in Chiesa Madre a cura delle Poste Italiane. La confraternita, infatti, ha realizzato due cartoline dedicate, il cui acquisto sarà possibile dalle 9 alle 15.

Il 16 settembre poi, il busto del santo ripartirà per il Veneto accompagnato da una delegazione di confratelli dell’Arciconfraternita di Sant’Antonio di Padova.

«Ringraziamo anticipatamente tutti coloro che parteciperanno alle varie occasioni di preghiera e processionali - ha detto il segretario Angelo Losito in rappresentanza dell’intero consiglio di amministrazione -. Un progetto di carità e vicinanza, questo, che la nostra confraternita vuole portare avanti con attenzione, anche con visite riservate ad ammalati e bisognosi».

Andrea Carbotti