I volontari AIRC in piazza a Massafra per l'appuntamento "Cioccolatini della ricerca"

Attualità
visibility162 - sabato 09 novembre 2019
di Luigi Serio
Più informazioni su
Cioccolatini di AIRC
Cioccolatini di AIRC ©

Domenica 10 novembre i volontari dell'AIRC (Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro) scendono in piazza anche a Massafra, come in tutta Italia, con l'appuntamento con i "Cioccolatini della ricerca".

I volontari massafresi vi aspettano su corso Roma nei pressi della profumeria Padula dalle 9 e, con una donazione, si potrà ricevere una confezione da 200 grammi di finissimi cioccolatini fondenti Lindt per sostenere il lavoro dei ricercatori.

Ogni anno a novembre AIRC promuove “I Giorni della Ricerca”, una settimana di appuntamenti per informare il pubblico sui progressi della ricerca oncologica e raccogliere nuove risorse da destinare al lavoro dei ricercatori.

Dal Palazzo del Quirinale alle aule delle università, dalle scuole secondarie superiori alle piazze di moltissime città italiane, dalle trasmissioni televisive e radiofoniche della RAI fino agli stadi di calcio, nei Giorni della Ricerca AIRC offre un ricco programma di appuntamenti.

373 mila sono i nuovi casi di cancro diagnosticati in Italia nell’ultimo anno, più di 1000 al giorno. Le previsioni per i prossimi anni indicano che nel 2030 il cancro sarà la principale causa di morte nel mondo con 21,6 milioni di nuovi casi all’anno. I medici e i ricercatori stanno affrontando questa emergenza studiando metodi per diagnosi sempre più precoci e per trattamenti sempre più personalizzati che, negli ultimi due decenni, hanno contribuito a far diminuire costantemente la mortalità. In Italia in particolare oggi si guarisce di più, come testimoniano i dati che ci pongono al vertice in Europa per le guarigioni. La sopravvivenza a cinque anni è aumentata, sia per gli uomini (54% vs 51%) che per le donne (63% vs 60%), rispetto al quinquennio precedente.

Nel nostro Paese, oggi, oltre 3,3 milioni di persone hanno superato una diagnosi di cancro e hanno un’aspettativa di vita paragonabile a quella di chi non si è mai ammalato.