Vertice in prefettura sulla statale 100: gli appalti per i lavori potrebbero iniziare nel 2021

Attualità
visibility871 - mercoledì 15 luglio 2020
di Andrea Carbotti
Più informazioni su
Il presidente Vanni Caragnano
Il presidente Vanni Caragnano ©

Per risolvere i problemi di sicurezza e viabilità della statale 100, gli appalti per i lavori di ampliamento a quattro corsie da Gioia del Colle a San Basilio potrebbero iniziare a metà dell'anno prossimo.

È quanto emerso dal vertice in prefettura di lunedì 13 luglio, richiesto dal comitato "Strade Sicure" di Vanni Caragnano, che da quattro anni tiene alta la guardia su una questione, la sicurezza della strada statale 100 appunto, che nonostante la disponibilità di risorse per intervenire, ad oggi non trova ancora una soluzione.

Seduti intorno allo stesso tavolo, oltre al prefetto Demetrio Martino e allo stesso Caragnano, c'erano i sindaci di Mottola e di Palagiano, il presidente della Provincia Giovanni Gugliotti, l'onorevole grillino Giovanni Vianello, il dirigente della Stradale di Taranto Nicola Manzari e il geometra dell'Anas Donato Vitti.

Ognuno dei partecipanti ha legittimamente avanzato le proprie richieste e le proprie proposte, ribadendo la necessità di collaborare tra i diversi enti del territorio per una pianificazione condivisa della viabilità.

Caragnano ha riferito che i lavori saranno affidati a un consorzio di aziende con capofila Rina Consulting, società del gruppo Rina, che si occuperà di sovrintendere i lavori e con essi la sicurezza di chi li svolge. Si tratta della stessa azienda che ha stilato il progetto esecutivo del nuovo ponte di Genova.

Tuttavia, la data di giugno 2021 non sarebbe adeguata perchè, come spiega Caragnano, "E' troppo lontana se si considerano i tempi da rispettare dopo l'assegnazione della gara".

In questo modo, sarebbe impossibile "cantierizzare" i lavori in meno di tre anni: «La procedura di gara e la presentazione del progetto esecutivo - dice il presidente - devono avvenire entro quest'anno!»

Se ne riparlerà a metà settembre, quando il prefetto Martino ha aggiornato il tavolo, accogliendo la richiesta di Caragnano di invitare anche dei rappresentanti della Regione.

Andrea Carbotti