Festival Internazionale della Chitarra di Mottola, ecco la vincitrice

Attualità
visibility1187 - lunedì 14 settembre 2020
di La Redazione
Più informazioni su
Eleonora Perretta
Eleonora Perretta ©

«Sono molto felice e onorata di aver ottenuto un riconoscimento così importante a livello internazionale».

Eleonora Perretta, vincitrice del XXVI concorso internazionale di Esecuzione Musicale per chitarra, non riesce a trattenere l’emozione: «È un traguardo significativo - dice la giovane musicista napoletana - perché registrare un disco ed entrare come artista nel circuito Euro Strings è motivo di orgoglio e ulteriore sprone a continuare questa strada.

Poi, nel mondo della chitarra classica, il Festival Internazionale della Chitarra - Città di Mottola è un punto di riferimento. Apre la strada a grandi opportunità, come il tour europeo che intraprenderò l’anno prossimo».

A lei il primo posto, con un premio complessivo di 3.500 euro (di cui 1.500 offerti dal comune di Mottola, 1.500 dal Lions club Massafra- Mottola “Le Cripte” e 500 da Giorgio e Alvise Durante con il premio “Musique et Memoire” dedicato a Roland Dyens e Maria Grazia Agrusti-Durante). Inoltre, ha vinto il dotGuitar Prize con un contratto discografico, e il premio Euro Strings European Guitar Festival Collaborative che prevede una tournée tra i 17 Festival europei di chitarra aderenti al circuito.

E Mottola è l’unica città scelta per rappresentare l’Italia.

Al secondo posto Francisco Lopes, portoghese, con 1.000 euro del premio comune di Mottola e il premio Savarez. Infine, al terzo classificato, il thailandese Chinnawat Themkumkwun, 500 euro offerti dal comune di Mottola e il premio Savarez.

I vincitori sono stati selezionati tra numerosi giovani partecipanti da una giuria di altissimo livello presieduta da Roberto Aussel. Con lui, Carlo Marchione, Anabel Montesinos, Mak Grgic e Simone Iannarelli, tutti straordinari concertisti che vivono tra Argentina, Messico, Olanda, Spagna, Croazia e Italia.

«Salutiamo questa edizione insolita del Festival - commenta il direttore artistico, il M° Michele Libraro - dando appuntamento all’anno prossimo, nella speranza di poter ritornare ai nostri eventi in presenza e al contatto diretto con il pubblico e gli artisti.

Quest’anno, infatti, a causa dell’emergenza Covid abbiamo rimodulato il programma, svolgendolo interamente online sulla nostra pagina Facebook e sul canale YouTube. È stata una scommessa che, allo stesso tempo, ci ha dato la conferma di quanto la nostra manifestazione sia seguita e conosciuta in tutto il mondo, con spettatori al di fuori dall’Italia».

A chiudere il Festival, un flash mob sulla Rotonda della cittadina in provincia di Taranto dove giovanissimi studenti di chitarra si sono dati appuntamento attorno a uno striscione celebrativo di questa XXVIII edizione. Nove giorni insoliti ma ricchi di emozioni, durante i quali il pubblico ha fatto sentire, ancora una volta, il grande entusiasmo per questo Festival.